NFT Tassazione

Settembre 21, 2021

Cosa sono gli NFT, come funziona la loro tassazione?

NFT tassazione

Per rispondere a questa domanda vediamo prima cosa sono gli NFT.

NFT è l’acronimo di Non-Fungible Token, token non fungibile. L’aggettivo “Non-Fungible” è traducibile in “non fungibile” ovvero indica un bene non replicabile e non sostituibile perché possiede una specifica individualità.

Gli NFT si basano su 4 concetti fondamentali: 

  1. rarità
  2. unicità
  3. proprietà
  4. autenticità

I token non fungibili (NFT), sono risorse crittografiche collezionabili uniche, che vengono messe su piattaforme denominate blockchain.

Per NFT si intende qualsiasi contenuto che possa essere digitalizzato: arte, video, musica, GIF, immagini, giochi e tanto altro. Questi contenuti vengono messi su una blockchain che permette di acquistare e di vendere il token.

Il mercato dell’arte è stato il primo mercato per gli NFT.

Negli ultimi anni si è sempre sentito parlare di CriptoArte ovvero un modo diverso di fare arte collegato alla blockchain e alle criptovalute. Di fatto si tratta di arte digitale, diversamente dalla quella fisica certificata è venduta attraverso la tecnologia blockchain.

Attraverso la CriptoArte e le persone possono comprare opere d’arte digitali e pagarle con le criptovalute. Si tratta di un nuovo modo di interpretare il mercato dell’arte tradizionale: l’arte digitale per certi aspetti mantiene le caratteristiche dell’arte tradizionale. 

Gli aspetti fondamentali mantenuti sono l’autenticità, poiché ciascun lavoro d’arte è unico e viene registrato sulla blockchain. Ciò che differenzia l’arte digitale dell’arte tradizionale è la velocità dello scambio di opere tra i soggetti, non essendoci intermediari si garantisce un processo veloce e sicuro.

Inoltre come nell’arte tradizionale è opportuno far riferimento al valore delle opere, non è facile sempre stabilire una corretta quotazione dell’opera digitale perché il valore delle criptovalute è soggetto ad un’alta volatilità. Come nel mondo tradizionale l’artista ha un ruolo importante e deve cercare di far parte di gallerie d’arte digitali riconosciute. Gli appassionati d’arte arrivano a pagare cifre molto elevate per aggiudicarsi un’immagine digitale che a differenza di quella tradizionale non si può appendere in uno studio in casa in ufficio e non si può toccare con mano; si può però guardare sullo smartphone sul computer o avere una cornice digitale di NFT.

L’età media dei consumatori di questa arte digitale è sicuramente più bassa rispetto a quella del mercato tradizionale Questo non significa che il mondo della CriptoArte è un mondo solo per giovani, ma semplicemente ci vorrà più tempo per raggiungere tutte le varie fasce di età. 

Ma cosa dà davvero valore a queste opere d’arte? Essere disposti a pagare un prezzo per avere questo. Credere che dietro c’è un mercato e che i prezzi possono salire.

Anche il mondo dello sport si sta adeguando al fenomeno degli NFT.

I collezionisti possono comprare brevi clip con le azioni migliori dei loro calciatori preferiti

Il mondo del GAMING e del FASHION: è possibile acquistare prodotti virtuali all’interno dei videogiochi, personaggi, animali, piante e arredamento. Ci si collega al mondo della moda che permette di acquistare brand di lusso per vestire i propri personaggi all’interno dei giochi. Si pensi solamente a Gucci che ha iniziato a vendere sneakers virtuali. Le sneakers virtuali nascono per essere condivise in post social o nel mondo del gaming.

In sostanza possono essere venduti come NFT abiti, accessori, sneakes, oggetti di design e arte.

Come funziona a livello fiscale la compravendita di NFT?

Ancora una volta, come già accade per altri strumenti, il mondo fiscale non è al passo con il mondo digitale e non vi è una vera e propria normativa che regolamenta gli NFT. Gli NFT non sono paragonabili alle criptovalute, che come sappiamo hanno una loro tassazione.

Ci si interroga se ad esempio la Cripto Arte possa essere paragonata all’arte tradizionale, che però presuppone il requisito della materialità e dell’originale creazione, e se vi sono gli obblighi di monitoraggio fiscale. Si ricorda che nel quadro RW vanno indicate le opere d’arte possedute all’estero. Le collezioni non sono soggette né ad Ivie né ad Ivafe in quanto, ovviamente, non si tratta né di immobili, né di prodotti finanziari.

E’ opportuno fare riferimento a tre figure (almeno per quanto riguarda l’arte):

  1. il mercante d’arte: colui che professionalmente e abitualmente svolge un attività finalizzata al commercio d’arte. E’ tenuto ad aprire una partita iva.
  2. lo speculatore: colui che acquista e vende arte occasionalmente al solo fine della speculazione. Non avendo un’attività professionale organizzata non è soggetto ad aprire una partita iva, ma dovrà dichiarare i suoi redditi nei cd. redditi diversi.
  3. il collezionista: soggetto animato da uno spirito culturale che acquista opere d’arte per incrementare la propria collezione e godere della bellezza delle opere acquistate. In caso di cessione delle opere acquistate il fine è il diletto e non il profitto. Non è soggetto a tassazione.

Purtroppo ad oggi non vi è ancora una normativa di riferimento, ma siamo certi che il Legislatore provvederà quanto prima a fornire le indicazioni necessarie.

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato al mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtubeiscriviti al nostro canale

Instagramsegui la nostra pagina

Facebooksegui la nostra pagina 

 

Minusvalenze pregresse

Luglio 23, 2021

Cosa sono le minusvalenze pregresse?

Con minusvalenze pregresse si intendono le minusvalenze accumulate durante l’attività di trading in regime dichiarativo nei 4 anni precedenti all’anno da dichiarare, che non sono state mai utilizzate o sono state utilizzate in parte, e che quindi possono compensare le plusvalenze.

Dove trovo le minusvalenze pregresse?

Le minusvalenze pregresse si trovano nel rigo RT93, all’interno della sezione V “Minusvalenze non compensate nell’anno” del quadro RT del Modello Redditi. Se sono state dichiarate e non utilizzate possono quindi compensare le plusvalenze dell’anno da dichiarare, andando ad abbassare o annullare l’importo delle plusvalenze e di conseguenza l’importo delle imposte da versare.

Attenzione: il Modello Redditi da cui si estraggono le minusvalenze pregresse deve essere quello effettivamente inviato all’Agenzia delle Entrate l’anno precedente! (vedi foto 1)

1

Come aggiorno il Modello Redditi con le minusvalenze pregresse?

Quando consegniamo i nostri report puoi accedere alla tua area download, andare nella sezione “Controlla minusvalenze pregresse”, inserire le minusvalenze nel relativo campo RT93 in base all’anno e cliccare “Salva e rigenera Modello Redditi” in modo che ne venga tenuto conto (vedi foto 2).

2

Successivamente, puoi proseguire tra le sezioni e scaricare il tuo Modello Redditi aggiornato.

Nel caso avessi ulteriori dubbi non esitare a contattarci!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato sulle strategie fiscali, sulle scadenze e sul mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Regime Dichiarativo o Amministrato?

Maggio 25, 2021

Regime Dichiarativo o Amministrato? Qual è quello più conveniente?

In questa guida spiegheremo tutte le differenze tra i due regimi

♣ Regime Dichiarativo

Il Regime Dichiarativo è il regime di default che viene applicato ai traders che aprono un conto con sede all’estero. Su opzione questo regime può essere applicato anche ai conti italiani.

Il contribuente sarà tenuto a calcolarsi autonomamente le imposte da versare in quanto percepirà dal broker i proventi lordi derivanti dalle vendite dei titoli, senza alcuna ritenuta d’imposta. Ogni anno dovrà compilare la Dichiarazione dei Redditi inserendo i redditi percepiti dall’attività di trading ed pagare le relative imposte.

Nel Regime Dichiarativo la banca non funge da sostituto d’imposta, cosa che accade per gli altri regimi.

♦  Regime Amministrato

Il Regime Amministrato è il regime di default che viene applicato ai conti con sede in Italia, dove la banca, il broker o la SIM fungono da sostituti d’imposta ovvero effettuano i calcoli e trattengono automaticamente le aliquote fiscali. Il contribuente riceverà i proventi netti decurtati delle imposte.

Vediamo con più precisione e chiarezza quali sono le differenze tra i due regimi:

SEDE DEL BROKER

♦ I conti con sede in Italia di default sono in Regime Amministrato ma su opzione possono essere aperti in Regime Dichiarativo. E’ anche possibile in un secondo momento optare per l’altro regime, ma il passaggio avrà validità dal 01.01 dell’anno successivo.

♣ I conti con sede all’estero sono sempre in Regime Dichiarativo, poiché i broker esteri non sono sostituti d’imposta.

Regime Dichiarativo o Amministrato

CALCOLO DELLE IMPOSTE

♦ Nel Regime Amministrato è il Broker che calcola le imposte da versare in quanto sostituto d’imposta.

Nel Regime Dichiarativo è il Titolare del conto a dover effettuare i calcoli e versare autonomamente le imposte.

PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

♦ In Amministrato le imposte si pagano ad ogni chiusura di trade e il pagamento è immediato.

Se si realizza un profitto, questo viene automaticamente tassato. Se invece si realizza una perdita potrà poi essere compensata con le plusvalenze dei 4 anni successivi.

♣  In Dichiarativo invece le imposte si pagano entro il 30 giugno dell’anno successivo, tramite la compilazione del Modello Redditi Persone Fisiche e la predisposizione del Modello F24. Il contribuente riceverà i profitti lordi e potrà interamente reinvestirli. Si avrà pertanto più marginalità sul conto e più leva finanziaria.

POSSESSO DI PIU’ CONTI

In Amministrato anche se si possiedono più conti ciascun conto ha un suo risultato e una sua tassazione. Non si possono compensare i risultati di un conto con un altro anche se intestati alla stessa persona.

♣  Viceversa in dichiarativo si sommano i risultati di tutti i broker intrattenuti dal contribuente e il tutto confluisce in un’unica dichiarazione dei redditi. I risultati si compensano tra loro, pertanto il dichiarativo è molto conveniente se si detengono più broker.

PREDISPOSIZIONE DICHIARAZIONE DEI REDDITI

♦ Non necessaria in Regime Amministrato.

♣  Obbligatoria in Regime Dichiarativo. I redditi derivanti dall’attività di trading devono essere inseriti nel Modello Redditi PF. E’ obbligatorio dichiarare il conto (solo se all’estero) anche se non si possiedono redditi o se non è stata fatta alcuna movimentazione.

STRATEGIE FISCALI APPLICABILI

♦ In Regime Amministrato vi è solo una strategia fiscale: chiudere prima una posizione in perdita e successivamente quella in profitto. In questo caso non si verseranno imposte.

In Dichiarativo invece vi sono almeno 8 strategie fiscali che permettono una riduzione delle imposte da versare. Nel nostro blog abbiamo spiegato dettagliatamente ciascuna strategia.

UTILIZZO DI VALUTE O CRIPTOVALUTE

♣ L’utilizzo di valute o criptovalute sono sempre in regime dichiarativo.
Il calcolo delle plusvalenze o minusvalenze relative ad operazioni in valuta deve essere fatto (e il risultato deve essere inserito in dichiarazione dei redditi con l’eventuale pagamento delle imposte dovute) solo se la giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a 51.645,69 euro​ ​per almeno 7 giorni lavorativi continui (art. 67 Dpr 917/86).

CALCOLO DELLE PLUSVALENZE

♦ In Amministrato si utilizza il metodo del costo medio ponderato.

In Dichiarativo si utilizza il metodo LIFO “Last In First Out”, ovvero l’ultimo ad entrare è il primo ad uscire.

 

Il Regime Dichiarativo presenta parecchi vantaggi!

Contattaci a info@tassetrading.it oppure tramite il nostro form di contatto (link)

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Indice: strategie fiscali conti trading

Maggio 20, 2021

Tasse Trading ha realizzato una guida con 8 strategie fiscali da adottare per ottimizzare il tuo conto trading!


“Risparmio è doppio Guadagno”

Giovanni Gaggino


Come ridurre la tassazione del proprio conto? Com’è possibile trarre benefici dalle minusvalenze? Come utilizzare le detrazioni fiscali per detrarre i redditi da trading?

Nelle nostre strategie fiscali risponderemo a tutte queste domande e vedremo dei trucchetti, assolutamente legali, per ridurre l’impatto fiscale del conto trading.

Ricapitoliamo le nostre 8 strategie:

BILANCIARE LE PLUSVALENZE

Le prime tre lezioni di strategia fiscale sono relative al bilanciamento di plus/minusvalenze. Per attuare queste strategie è opportuno fotografare la propria situazione del conto prima della fine dell’anno e verificare se vi sono plusvalenze o minusvalenze realizzate (ovvero chiuse) oppure non realizzate.

In questa lezione vedremo la situazione in cui il portafoglio è in plusvalenza realizzata e si hanno minusvalenze non realizzate. In alcuni casi potrebbe essere conveniente chiudere le posizioni in perdita per ridurre o addirittura azzerare le plusvalenze e pagare meno imposte.

BILANCIARE LE MINUSVALENZE

Nelle seconda lezione vedremo l’importanza delle minusvalenze. Quando in portafoglio si detengono perdite si possono adottare strategie per trarre benefici e ridurre le imposte da versare. Siamo nella situazione in cui prima della fine dell’anno si detengono minusvalenze realizzate e plusvalenze non ancora chiuse.

NON PERDERE MINUSVALENZE

Le minusvalenze sono davvero importanti ed è importante non perderle. Sole inserendole in dichiarazione dei redditi si attribuisce una scadenza.

RECUPERO DETRAZIONI FISCALI

In questa quarta lezione analizzeremo come compensare i redditi derivanti da trading con le detrazioni fiscali. E’ conveniente utilizzare questa strategia quando si detengono varie spese (mediche, assicurative, ecc.) e allo stesso tempo non si hanno abbastanza redditi per compensarle.

NON PAGARE IMPOSTE SULLE CRIPTOVALUTE

La normativa ha assimilato la criptovalute alle valute tradizionali, pertanto non si devono versare imposte (in quanto considerate non speculative) al di sotto della giacenza in valuta di €51.645,69 intrattenuta per più di 7 giorni lavorativi consecutivi.

SFRUTTARE MINUSVALENZE DA CRIPTOVALUTE

Le criptovalute non si inseriscono in dichiarazione (sotto la soglia di €51.645,69) e potrebbe non essere conveniente quando si realizzano perdite. Scopriamo come non perderle per poterle compensare con profitti da altri strumenti finanziari.

MENO IMPOSTE SUI REDDITI DA CAPITALE

I redditi di Capitale (interessi, cedole e ETF armonizzati) sono tassati ad imposta sostitutiva del 26%. E’ possibile optare per la tassazione ordinaria e sfruttare l’aliquota del 23% (per redditi inferiori ad €15.000) e utilizzare questi redditi per compensare le spese mediche, assicurative, di ristrutturazione ecc.

MENO IMPOSTE SUI DIVIDENDI ESTERI

Premesso che sui dividendi esteri vi è una doppia imposizione, com’è possibile evitarla o ridurla? In questa lezione vedremo le strategie per abbassare le imposte sui dividendi emessi da paesi esteri.

Se non ti sono chiare le nostre strategie fiscali

Contattaci al nostro form (link)

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti

8. Meno imposte sui dividendi esteri

Maggio 12, 2021

Ottava strategia fiscale di un conto trading! Oggi vediamo com’è possibile evitare la doppia imposizione sui dividendi esteri

I dividendi esteri, ovvero quelle parti di utili distribuite dalle società ai loro azionisti, sono soggetti a una doppia tassazione:

      1. Nel paese d’origine (i Trattati contro la doppia tassazione prevedono che il 15% sia sempre versato alla fonte)
      2. in Italia, al 26% al lordo in frontiera

Abbiamo già parlato della differenza tra il netto in frontiera e il lordo in frontiera e abbiamo riportato un esempio sulle differenze della metodologia di calcolo. In ogni caso è presente una doppia tassazione e il nostro dividendo verrà tassato due volte. E’ possibile evitare questa doppia imposizione? Come recuperare queste imposte versate? E’ possibile risparmiare tasse sui dividendi esteri?

A queste domande risponderemo in questa lezione di strategie fiscali.

In questa ottava lezione di ottimizzazione fiscale vediamo come RIDURRE LE IMPOSTE SUI DIVIDENDI ESTERI

Premesso che i trattati contro la doppia imposizione prevedono sempre che il 15% sia dovuto alla fonte è possibile fare qualcosa per limitare la doppia tassazione?

E’ possibile, ma spesso antieconomico, chiedere il rimborso per la parte eccedente del 15% e ricordiamo che sul rimborso si dovrà comunque pagare un’imposta. Accantonata questa ipotesi cosa vi conviene fare? Come procedere?

Invece è sempre possibile per i titoli emessi nei Paesi con più alta tassazione dei dividendi, superiore a quella del 15%, investire nel CFD piuttosto che nel titolo sottostante, poiché di solito i broker applicano ai dividendi del CFD la ritenuta del 15% prevista nelle Convenzioni contro le doppie imposizioni, anziché la ritenuta più elevata applicata nel Paese di origine sul sottostante.

Per ottimizzare la tassazione 

acquistare il CFD al posto del titolo sottostante

poiché di solito i Broker trattengono l’aliquota del 15%

Questa strategia è particolarmente utile per i titoli emessi dai paesi con aliquote maggiori. Ad esempio la Svizzera trattiene un’aliquota del 35% sul dividendo, nettamente superiore a quella del 15% prevista dai Trattati conto la doppia imposizione.

Riportiamo i principali paesi con le aliquote trattenute sui dividendi esteri:

26% – ITALIA

15% – USA

30% – FRANCIA

25% – GERMANIA

0% – REGNO UNITO

35% – SVIZZERA

25% – CANADA

20% – IRLANDA

15% – LUSSEMBURGO

15% – PAESI BASSI

30% – BELGIO

15% – GIAPPONE

19% – SPAGNA

E’ possibile ottenere, attraverso una determinata procedura, un rimborso della doppia tassazione dei dividendi esteri, con la diretta applicazione dell’aliquota concordata tra i due Paesi, nel caso in cui sia stata pagata un’aliquota maggiore rispetto a quella prevista dalle Convenzioni contro le doppie imposizioni. L’importo rimborsato dovrà essere portato nuovamente a tassazione del 26%.

Per ottimizzare la tassazione è conveniente talvolta acquistare il CFD al posto del titolo sottostante specialmente per i paesi con aliquota maggiore al 15%. 

Vediamo subito un esempio:

DIVIDENDO SU AZIONE SVIZZERA

dividendo: €100
tassazione in Svizzera al 35%
tassazione in Italia al 26%
NETTO PERCEPITO 39€
TASSAZIONE AL 61%

DIVIDENDO SU CFD SVIZZERA

dividendo: €100
tassazione in Svizzera al 15%
tassazione in Italia al 26%
NETTO PERCEPITO 59€
TASSAZIONE AL 41%

Investire in CFD piuttosto che sul sottostante può essere fattibile su alcuni broker che permettono sia la compravendita di azioni sia quella di CFD. Tra gli altri ricordiamo eToro e Interactive Brokers. Ovviamente ci sono molti più broker che permettono di attuare questa strategia.

Ai fini fiscali i redditi derivanti dai CFD finiscono nei Redditi Diversi (quadro RT, Modello Redditi Persone Fisiche) e si sommano a tutti gli altri redditi derivanti da azioni, opzioni, futures, forex e valute.

Non perderti le nostre strategie fiscali!

Dichiara il conto trading contattandoci al nostro form (link)

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti

Fiscalità Dividendi esteri

Maggio 12, 2021

Come funziona la tassazione dei dividendi esteri?

Il dividendo altro non è che quella parte dell’utile di una società che può essere distribuito ai suoi azionisti alla fine di ogni esercizio. L’Assemblea Ordinaria dei soci annualmente ha l’obbligo di approvare il bilancio e deve definire le eventuali modalità, i tempi e la quantità di utili da distribuire. Talvolta capita che l’Assemblea decide di non distribuire gli utili e di reinvestirli nella società (per coprire perdite precedenti ad esempio).

Il dividendo può essere ordinario, quando deriva dagli utili; o straordinario quando viene distribuita una parte delle riserve di liquidità della società (si tratta di operazioni societarie). Nella maggior parte dei casi si parla di dividendi ordinari.

Come funziona la tassazione dei dividendi?

L’articolo 44 del DPR n. 917/86 inserisce i dividendi nei Redditi di Capitale (quandro RM, Modello Redditi Persone Fisiche) pertanto non è possibile compensare questi redditi con le minusvalenze da azioni, opzioni, futures, cfd, forex, valuta,…) poiché quest’ultimi finiscono nei Redditi Diversi (quandro RT, Modello Redditi Persone Fisiche).

La Normativa Fiscale Italiana prevede che i dividendi vadano a tassazione separata del 26%. Un dividendo di una società italiana verrà dunque tassato al 26%.

Come funziona per le società estere?

La risposta non è immediata, in quanto ancora una volta vi sono diverse interpretazioni a riguardo.

Un dividendo percepito direttamente all’estero (tramite un broker non residente in Italia), prevede un’imposta che deve essere liquidata nel quadro RM del Modello Redditi P.F. (non è ammessa l’opzione per la tassazione ordinaria). Abbiamo visto che alcuni Redditi di Capitale, in particolare interessi, cedole e ETF armonizzati, possono andare (su opzione) a tassazione ordinaria e seguire lo scaglione di redditi di appartenenza. Questo non è valido per i dividendi che vanno sempre nei Redditi di Capitale (quadro RM).

I dividendi esteri subiscono una doppia imposizione:

    1. la prima nel paese d’origine (seguendo l’aliquota del paese di appartenenza)
    2. in Italia (al 26%)

Tasse dividendi esteri

Analizziamo meglio questi due punti.

Questa doppia imposizione è stata oggetto di numerose contestazioni, tantoché i Trattati contro la doppia imposizione hanno stabilito un’aliquota convenzionale massima del 15%. Ovvero il 15% è sempre dovuto nel paesi d’origine. Per i paesi che applicano una ritenuta maggiore del 15% si potrebbe chiedere un rimborso tra la parte eccedente al 15%. Questo processo non è immediato e spesso risulta antieconomico.

La ritenuta applicata nei paesi è variabile. Alcuni paesi non hanno applicano ritenute, ad esempio l’Australia o il Regno Unito. La maggior parte dei paesi invece prevede una tassazione del 15%, altri addirittura maggiore. Ad esempio la Svizzera (35%).

In Italia i dividendi vengono a loro volta ulteriormente tassati al 26%. Si parla spesso di netto in frontiera o di lordo in frontiera per interpretare la seconda tassazione. L’ultima Risoluzione dell’Agenzia Entrate prevede che i dividendi vengano tassati al lordo in frontiera.

Qual è la differenza?

Il netto in frontiera è la differenza tra il dividendo lordo e la ritenuta nel paese di origine.

Esempio netto in frontiera:
Riceviamo un dividendo di 100 di un'azione Apple (USA)
1. TASSAZIONE 15% IN USA
2. TASSAZIONE AL NETTO IN FRONTIERA IN ITALIA (26%)
In Italia arriverà un dividendo di 85, su cui verrà trattenuto il 26% (pari a €22.1)
NETTO PERCEPITO: 62.9
Tassazione del 37.1%

Il lordo in frontiera prevede che il 26% venga calcolato sul dividendo originale.

Esempio lordo in frontiera: 
Riceviamo un dividendo di 100 di un'azione Apple (USA)
1. TASSAZIONE 15% IN USA
2. TASSAZIONE AL NETTO IN FRONTIERA IN ITALIA (26%)
In Italia arriverà un dividendo di 75. Tassazione del 26% sul lordo (pari a €26)
NETTO PERCEPITO: 59
Tassazione del 41%

Dichiara sempre il tuo conto trading per evitare sanzioni fiscali!

Contattaci al nostro form (link)

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti

 

 

7. Meno imposte sui Redditi di Capitale

Maggio 11, 2021

Con la settima lezione di strategia fiscale di conti trading vediamo come risparmiare le imposte sui Redditi di Capitale.

 

Innanzitutto è opportuno precisare quali sono i Redditi di Capitale.

Rientrano in questa categoria tutti i redditi derivanti dalle rendite finanziarie e dai dividendi di partecipazione. I Redditi da Capitale vengono disciplinati dagli articoli 44 e 45 del TUIR, anche se il Fisco non definisce esplicitamente quali sono questi redditi.

Possiamo però classificare i redditi di capitale in queste categorie:

  • INTERESSI e altri proventi derivanti da conti correnti o conti depositi (trading)
  • CEDOLE ovvero interessi di obbligazioni o Titoli di Stato
  • DIVIDENDI, parte dell’utile che viene consegnata da una società ai suoi azionisti
  • ETF ARMONIZZATI, fondi d’investimento conformi alle direttive europee

I Redditi di Capitale ordinariamente vanno a tassazione separata e vengono tassati al 26% e si inseriscono nel quadro RM del Modello Redditi. Non possono essere compensati con le plusvalenze e minusvalenze da strumenti finanziari che vengono inseriti nel quadro RT.

E’ importante prestare attenzione a questa tipologia di redditi poiché può capitare erroneamente di ignorarli. Quando si detiene un conto situato in un paese estero o comunque in Regime Dichiarativo è sempre obbligatorio dichiarare i redditi: anche se il conto chiude con una minusvalenza, ovvero una perdita derivante dalla compravendita di strumenti finanziari, si potrebbero avere dei redditi derivanti dai dividendi o dagli interessi. Spesso accade che si devono versare imposte su queste tipologie di redditi anche a fronte di perdite finanziarie, proprio perché non è mai possibile compensare i Redditi di Capitale (quadro RM, Modello Redditi Persone Fisiche) con i Redditi Diversi (quadro RT, Modello Redditi Persone Fisiche).

Un dividendo di un’azione pertanto non può essere compensato con la minusvalenza dell’azione stessa.

I Redditi di Capitale non possono essere spostati nel quadro RT, ma in alcuni casi potrebbe essere conveniente spostarli nel quadro RL del Modello Redditi Persone Fisiche. In questa lezione vedremo i casi in cui potrebbe essere opportuno effettuare questa modifica.

Ricordiamo sempre che queste lezioni non costituiscono consulenza fiscale.

In questa settima lezione di ottimizzazione fiscale vediamo come RIDURRE LE IMPOSTE SUI REDDITI DI CAPITALE

 

Questa strategia è valida solo per alcuni Redditi di Capitale ovvero per gli interessi, le cedole e gli ETF Armonizzati.

Non è possibile applicare la strategia ai dividendi, che prevedono una doppia tassazione:

1. la prima nel paese di origine (il 15% è sempre dovuto secondo i Trattati contro la doppia imposizione)

2. in Italia, al 26%

Per interessi ed ETF armonizzati potrebbe convenire optare per una tassazione opzionale, ovvero la tassazione ordinaria. Perché?

A tassazione ordinaria l’aliquota è variabile in base al proprio scaglione di reddito di appartenenza: dal 23% al 43%

Se non si posseggono altri redditi o per redditi inferiori a €15.000 l’aliquota è del 23%, ovvero inferiore rispetto a quella standard del 26%.

Potrebbe essere conveniente optare per la tassazione ordinaria anche nei casi in cui si detengono molte spese, ad esempio mediche, assicurative, di ristrutturazione. Se si hanno queste spese ma non abbastanza redditi per detrarle potrebbe essere conveniente optare per la tassazione ordinaria per sfruttare le detrazioni fiscali.

Se si posseggono molte spese mediche e di ristrutturazione edilizia si possono compensare i redditi di capitale arrivando a diminuire notevolmente o anche azzerando le imposte sui redditi da capitale.

Tieniti sempre aggiornato alle nostre strategie fiscali!

Dichiara il tuo conto trading contattandoci al nostro form (link)

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti

 

6. Sfruttare minusvalenze da criptovalute

Maggio 10, 2021

Apriamo la sesta lezione di strategie fiscali di un conto trading. Oggi vediamo come sfruttare le minusvalenze da criptovalute!

Si possono non pagare le tasse? Come evitare di pagare le imposte sulle criptovalute?

Nella lezione precedente, “non pagare imposte sulle criptovalute“, abbiamo visto la situazione in cui alla fine dell’anno si realizzano profitti derivanti dalle monete virtuali. Ma cosa succede se al posto dei profitti abbiamo perdite?.

In questa sesta lezione di ottimizzazione fiscale vediamo come SFRUTTARE LE MINUSVALENZE DA CRIPTOVALUTE

Sia per i profitti che per le perdite da criptovalute si tengono in considerazione e si inseriscono in dichiarazione solo se la giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a 51.645,69 euro​ ​per almeno 7 giorni lavorativi continui (art. 67 Dpr 917/86).

Al di sotto di tale soglia il risultato netto non rientra in dichiarazione.

E’ conveniente in caso di profitti non superare la soglia per non pagare imposte. Invece, nel caso opposto ovvero quando si hanno minusvalenze realizzate da criptovalute potrebbe essere conveniente superare la soglia di €51.645,69 per poterle inserire in dichiarazione dei redditi. Solo inserendole in dichiarazione si potranno poi compensare con le plusvalenze (valutarie e finanziarie) da azioni, opzioni, futures, cfd, forex e altre valute ed eventualmente tenerle per i 4 anni successivi.

Come si pagano le tasse sulle criptovalute?

Ai fini fiscali le criptovalute sono equiparabili alle valute tradizionali, e si dovranno pagare le plusvalenze sulle valute solo se si supererà il limite di €51.645.69.

Per le plusvalenze finanziarie non vi sono limiti.

Il calcolo delle plusvalenze o minusvalenze relative ad operazioni in valuta deve essere fatto (e il risultato deve essere inserito in dichiarazione dei redditi con l’eventuale pagamento delle imposte dovute) solo se la giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a 51.645,69 euro​ ​per almeno 7 giorni lavorativi continui (art. 67 Dpr 917/86). Per il calcolo della giacenza complessiva devono essere sommati tutti i controvalori dei depositi e conti intrattenuti anche di valute diverse anche con differenti intermediari o brokers. Superata la soglia di giacenza prevista per sette giorni lavorativi consecutivi bisogna inserire in dichiarazione la plusvalenza o la minusvalenza realizzata su tutte le operazioni dell’anno solare di riferimento della dichiarazione; se invece non si supera la soglia non bisogna dichiarare la plusvalenza e non si possono utilizzare le eventuali minusvalenze realizzate.

Rimani sempre aggiornato per evitare di pagare tasse sulle criptovalute!

Contattaci tramite il nostro form 

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti

 

 

5. Non pagare imposte sulle criptovalute

Maggio 5, 2021

Due lezioni fiscali interamente dedicate alle criptovalute: come non pagare imposte sulle criptovalute in maniera legale?

Le criptovalute sono uno strumento finanziario molto vantaggioso a livello fiscale poiché è possibile e assolutamente legale non pagare imposte sulle plusvalenze da criptovalute (entro determinati limiti).

Normalmente, per quasi tutti gli strumenti finanziari vi è un’aliquota del 26% sulle plusvalenze finanziarie. Ovvero alla fine dell’anno se il conto presenta un profitto (derivante da azioni, opzioni, futures, cfd, forex, ecc.) si deve versare l’imposta del 26%.

Come funziona invece per la tassazione delle criptovalute?

La normativa fiscale italiana non si è ancora adeguata completamente al mondo delle criptovalute e non ha ancora emanato leggi specifiche a riguardo. A livello fiscale si fa riferimento alla Risoluzione n. 72/E/2016 ovvero un documento dell’Agenzia Entrate che assimila le criptovalute alle valute FIAT, ovvero le valute tradizionali.

La conseguenza di questa risoluzione che paragona le criptovalute alle valute tradizionali presuppone che il calcolo delle plusvalenze o minusvalenze relative ad operazioni in valuta deve essere fatto (e il risultato deve essere inserito in dichiarazione dei redditi con l’eventuale pagamento delle imposte dovute) solo se la giacenza complessiva di tutti i depositi e conti correnti in valuta intrattenuti sia superiore a 51.645,69 euro​ ​per almeno 7 giorni lavorativi continui (art. 67 Dpr 917/86).

Si dovrà pagare le plusvalenze sulle valute solo se si supererà il limite di €51.645.69. Questa soglia è valida solo per le plusvalenze valutarie (comprese le criptovalute) ma non per le plusvalenze finanziarie dove invece non vi sono limiti.

Come si fa a calcolare la giacenza in valuta?

1. Il controvalore in euro delle criptovalute si calcola sulla base del cambio vigente all’inizio del periodo di riferimento, ossia il cambio del 1° gennaio dell’anno nel quale si verifica la cessione;
2. La soglia di giacenza di euro 51.645,69 riguarda tutti i depositi e conti correnti intrattenuti dal contribuente.

In questa quinta lezione di ottimizzazione fiscale vediamo come NON PAGARE IMPOSTE SULLE CRIPTOVALUTE

Abbiamo visto che se si mantiene una giacenza in valuta inferiore alla soglia di €51.645,69 per meno di 7 giorni lavorativi consecutivi non si conteggeranno eventuali plusvalenze o minusvalenze in dichiarazione dei redditi.

Se durante l’anno si realizzano profitti sulle criptovalute potrebbe essere utile prestare particolare attenzione alla propria giacenza in valuta. Il calcolo non è semplice da effettuare in quanto bisogna convertire il proprio saldo in valuta con il tasso di cambio del 1 gennaio dell’anno di riferimento.

In ogni caso se si mantiene questa giacenza al di sotto della soglia dei vecchi cento milioni di Lire non si pagheranno imposte e si potrà avere un risparmio del 26%.

Allo stesso modo, se il conto presenterà minusvalenze derivanti dalle criptovalute e non si supera la soglia, non verranno conteggiate nella dichiarazione dei redditi e non potranno compensare le altre plusvalenze (derivanti dagli altri strumenti finanziari).

Per quanto concerne le perdite derivanti dalle criptovalute abbiamo individuato un’altra strategia fiscale che vedremo nella prossima lezione

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti

 

4. Recupero detrazioni fiscali

Aprile 30, 2021

Come compensare i redditi da trading con le detrazioni fiscali? Si apre la quarta strategia di ottimizzazione fiscale

I profitti derivanti da trading possono essere utilizzati per detrazioni fiscali?

Prima di rispondere a questa domanda dobbiamo distinguere la varie tipologie di redditi derivanti dall’attività di trading:

    • Profitti da azioni, opzioni, futures, cfd, forex, valute: Redditi Diversi – tassazione separata del 26%
    • Profitti da ETF armonizzati, cedole, dividendi e interessi: Redditi di Capitale – tassazione separata del 26%
    • Profitti da ETF non armonizzati: Redditi Ordinari – tassazione ordinaria

Questa premessa è fondamentale per spiegare la quarta lezione di strategie fiscali.  Gli unici strumenti che possono essere utilizzati per recuperare le detrazioni fiscali sono le plusvalenze da ETF non armonizzati.

In questa quarta lezione di ottimizzazione fiscale vediamo come RECUPERARE LE DETRAZIONI FISCALI

 

Le plusvalenze da ETF Non armonizzati vanno a tassazione ordinaria

Puoi detrarre spese mediche, assicurative, di ristrutturazione, ecc. compensandole con PLUSVALENZE da ETF NON ARMONIZZATI

 

Gli ETF devono sempre essere valutati singolarmente ad ogni chiusura di trade:

  1. Le minusvalenze da ETF vanno dichiarate come redditi diversi e possono compensare altri redditi diversi quali le azioni, opzioni e futures.
  2. Le plusvalenze da ETF andranno dichiarate come redditi di capitale (ETF armonizzati) o come redditi ordinari (ETF non armonizzati).

Gli ETF non armonizzati vanno a tassazione ordinaria e vengono tassati in base allo scaglione di reddito di appartenenza (dal 23% al 43%).

I proventi derivanti da ETF non armonizzati vengono sommati agli altri redditi (lavoro autonomo, dipendente, affitti…). Si possono utilizzare per detrarre le varie spese (esempio spese mediche, assicurative, per ristrutturazione, ecc.), se i redditi a tassazione ordinaria non compensano interamente le detrazioni. Chiudendo plusvalenze da ETF non armonizzati si recuperano le detrazioni.

Può essere conveniente investire in ETF non armonizzati per due motivi:

    • Finendo a tassazione ordinaria vengono tassati in base all’aliquota dello scaglione di reddito di appartenenza

SCAGLIONI DI REDDITO

Fino a €15.000 → 23%
Da €15.001 a €28.000 → 27%
Da €28.001 a €55.000 → 38%
Da €55.001 a €75.000 → 41%
Oltre €75.000 → 43%

Se non si detengono redditi al di sopra di €15.000 l’aliquota è del 23% (al di sotto di quella del 26% presente per tutti gli altri redditi).

    • Se si detengono molte spese, come ad esempio spese mediche, assicurative o di assicurazione ma allo stesso tempo non si detengono abbastanza redditi per compensarle potrebbe essere convivente investire in ETF NON ARMONIZZATI. Le plusvalenze di questi strumenti andranno in compensazione con queste spese e diminuiranno o talvolta azzereranno le imposte da pagare.

 

Tieniti sempre informato sulle nostre strategie fiscali!

Dichiara il tuo conto trading contattandoci al nostro form (link)

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti