eToro: guida alla risoluzione dei problemi più frequenti

Aprile 21, 2021

In questa guida vedremo quali sono le problematiche e i dubbi che possono sorgere più frequentemente utilizzando eToro e come affrontarli

Accesso negato

Se non si riesce ad accedere al proprio account di trading eToro, uno dei motivi potrebbe essere l’aver inserito un nome utente o una password errati.

Password dimenticata

Se non riesci ad accedere al tuo account perché hai dimenticato la password, allora sarà necessario reimpostarla. L’opzione per reimpostare la password, il tasto “Password dimenticata?”, appare automaticamente nel caso in cui si abbia digitato una password sbagliata. Una volta cliccatoci, dovrai inserire l’e-mail del tuo account e cliccare su “invia”. Alla tua e-mail verrà così spedito un link, aprendolo potrai reimpostare la password. Il link può essere utilizzato una volta sola e ha una validità di 24 ore.

Altri problemi di accesso

Nel caso non si riesca ad accedere, nonostante la password e il nome utente siano stati inseriti correttamente, possono rivelarsi utili i seguenti passaggi:

  • pulire la cache del browser
  • provare ad accedere di nuovo
  • provare ad utilizzare un altro browser
  • controllare la connessione ad Internet
  • assicurarsi di non essere già connesso in un’altra finestra o piattaforma

Non riuscire a visualizzare i fondi prelevati

Per prelevare del denaro dalla piattaforma è necessario fare la richiesta di prelievo. Una volta fatta, sarà necessario un giorno lavorativo affinché questa venga esaminata ed elaborata da eToro.
Terminata l’elaborazione, eToro manderà un’e-mail di conferma dove verrà specificato il metodo di pagamento con cui verrà inviato il denaro.
Di solito sono necessari fino a 8 giorni lavorativi dal termine dell’elaborazione, per poter visualizzare i fondi sul proprio account.
Se dopo 8 giorni lavorativi i tuoi fondi non appaiono ancora nell’estratto conto del metodo di pagamento selezionato, allora è necessario aprire un ticket nel centro di assistenza clienti.
Sarà inoltre richiesto di allegare una copia dell’estratto conto che mostri le transazioni in entrata e in uscita dal momento in cui il prelievo è stato elaborato fino al giorno di apertura del ticket.
Il proprio nome, le date delle transazioni e i dettagli del metodo di pagamento devono essere ben visibili.

Transazioni che si chiudono automaticamente

Una transazione si chiude automaticamente quando viene attivato uno Stop Loss o un Take Profit.
Questi sono strumenti di gestione del rischio che chiudono la transazione in automatico, quando il mercato sposta un determinato importo a favore o contro la tua posizione, in maniera tale da assicurarti i profitti o da evitarti ulteriori perdite.

Visualizzare una perdita non appena si apre una posizione

Quando si apre una posizione, il tasso mostrato è quello a cui la posizione verrebbe chiusa.
Ad esempio, quando apri una posizione ACQUISTA, la apri al prezzo ACQUISTA ma la chiudi al prezzo VENDI. Viceversa, quando apri una posizione VENDI, la apri al prezzo VENDI ma la chiudi al prezzo ACQUISTA.
La differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita è chiamata spread e contiene una commissione che viene addebitata su ogni transazione (se vuoi saperne di più, puoi leggere l’articolo sulle commissioni di eToro).
La perdita che vedi all’apertura della posizione è quindi dovuta allo spread.

Visualizzare una posizione in attesa

La posizione appare in attesa quando viene aperta a mercato chiuso.
eToro mette a disposizione una lista con gli orari di apertura dei mercati.
La transazione sarà eseguita al primo tasso di mercato disponibile.

Dichiarare il conto eToro al Fisco italiano

L’estratto conto di eToro ti permette di monitorare l’andamento dei tuoi investimenti, ma purtroppo non è un documento fiscale e ha bisogno di essere rielaborato. Consulta la nostra pagina sulla tassazione del conto eToro per maggiori informazioni sulla dichiarazione del tuo conto eToro.

Come contattare eToro

Puoi contattare eToro aprendo un ticket di supporto attraverso il loro Servizio clienti oppure attraverso la loro live chat, entrambi sono disponibili 24 ore su 24.
Per contattare eToro devi utilizzare l’indirizzo e-mail con il quale ti sei registrato nella piattaforma.

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata alle Tasse eToro sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Cosa sono gli ETF?

Aprile 21, 2021

Gli ETF (Exchange Traded Funds) fanno parte insieme agli ETN e agli ETC degli ETP (Exchange Traded Product) che si caratterizzano per replicare la performance di un sottostante (Benchmark) in modo passivo e per essere quotati in tempo reale su mercati regolamentati

Gli ETF appartengono alla categoria dei prodotti OICR (Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio) e non sono altro che dei particolari fondi d’investimento che possiedono le caratteristiche degli ETP, ovvero replica passiva e quotazione in tempo reale su mercati regolamentati.

Vediamo ora quindi questa prima caratteristica degli ETF: la replica passiva.

Come funzionano?

Gli ETF replicano in modo passivo la composizione di un benchmark di riferimento, cercando di copiare la performance e il profilo rischio-rendimento di quest’ultimo. 

Gli ETF non replicano il benchmark però tutti allo stesso modo. Infatti, possono avere due tipi di replica passiva: quella fisica, che si divide a sua volta in completa oppure a campione, e quella sintetica, che si divide a sua volta in funded oppure unfunded. 

Con la replica fisica, l’ETF acquista direttamente e materialmente gli strumenti finanziari (obbligazioni o azioni) che compongono il paniere di riferimento del benchmark. 

Se la replica fisica è completa, l’ETF acquista tutti contenuti all’interno dell’indice da replicare con lo stesso peso percentuale. 

Se la replica fisica è a campione, l’ETF acquista solo una parte dei titoli che compongono l’indice di riferimento. Quest’ultima modalità di replica è di solito adottata per indici da copiare particolarmente numerosi o poco liquidi, per cui una replica completa sarebbe difficoltosa. 

Con la replica sintetica invece, l’ETF replica il paniere del sottostante in maniera indiretta, attraverso degli strumenti derivati (Swap). Questo tipo di replica viene utilizzato quando l’indice da replicare è particolarmente numeroso o poco liquido oppure di difficile accesso, come, ad esempio, gli indici azionari dei paesi esotici. 

Se la replica sintetica è unfunded, l’ETF acquista un paniere sostitutivo, contemporaneamente alla sottoscrizione di un contratto swap con una controparte. In questo modo, la controparte riconosce all’emittente dell’ETF la performance del benchmark di riferimento in cambio della performance del paniere sostitutivo. Il paniere sostitutivo è composto da titoli diversi ma correlati a quelli del benchmark.

Se la replica sintetica è funded, l’ETF non acquista il paniere sostitutivo, ma trasferisce i fondi della sottoscrizione alla controparte swap, in cambio della performance del benchmark di riferimento.

 

Quali sono i rischi?

Per quanto riguarda gli ETF a replica fisica, i rischi sono principalmente due: il rischio di mercato, ovvero il rischio che l’ETF si deprezzi, come conseguenza di una diminuzione dei titoli che compongono il suo indice di riferimento, e il rischio dato dal prestito titoli. Quest’ultimo può venir attivato dal gestore dell’ETF e consiste nel prestare a un esterno alcuni titoli detenuti dall’ETF, in cambio di una remunerazione da parte della controparte. 

Il prestito titoli rappresenta sia un vantaggio, la remunerazione data dalla controparte che diminuisce i costi e il tracking error (Differenza tra la performance dell’ETF e quello del suo benchmark di riferimento) dell’ETF, sia una fonte di rischio, nel caso la controparte fallisca e l’ETF non si veda restituiti i titoli oggetto del prestito. 

Per aggirare questo rischio, gli emittenti chiedono alla controparte di mettere dei titoli in una banca depositaria come collaterali a garanzia del prestito. Se fallisce così la controparte, il gestore dell’ETF potrà rivalersi sui titoli depositati.

La replica sintetica invece, presenta una terza fonte di rischio, ovvero il rischio controparte dato dal contratto swap. In caso di fallimento della controparte del contratto swap infatti, il patrimonio dell’ETF viene esposto a una perdita monetaria a causa del mancato adempimento del contratto.

La normativa europea UCITS tutela però l’investitore, ponendo un limite all’investimento in strumenti derivati da parte dell’ETF e mitigando così il rischio controparte. 

Ulteriori criticità possono insorgere quando ci si imbatte in ETF poco liquidi e poco scambiati. Inoltre, è necessario prestare particolare attenzione al, già citato, tracking error dei singoli ETF.

Tipologie

Esistono varie tipologie. Sono generalmente classificati in base all’asset class che viene replicato.

Possiamo trovare: 

  • ETF Monetari: non sono un vero e proprio strumento d’investimento ma hanno lo scopo di gestire la liquidità presente nel conto corrente. Questa tipologia replica un paniere composto da obbligazioni, generalmente titoli di stato, a breve e brevissima scadenza. Il loro obiettivo non è tanto quello di aumentare il rendimento del portafoglio, ma quello di dare un minimo di remunerazione alla liquidità
  • ETF Obbligazionari: replicano panieri composti da obbligazioni. Vengono divisi in base ai seguenti livelli:
    • geografico: in base all’area geografica
    • emittente: le obbligazioni possono essere titoli di stato oppure corporate, cioè emesse da società private. Queste, a loro volta, si dividono in: corporate, con rating investment grade, e in high yield, con rating speculative grade. Le seconde hanno un grado di rischio superiore rispetto alle prime
    • scadenza: può essere breve, media, lunga oppure a tasso variabile
    • valuta: può essere in euro, dollaro USA, valuta locale o con copertura del cambio
    • distribuzione delle cedole: ad accumulo, quindi le cedole vengono reinvestite nell’ETF, o a distribuzione, quindi le cedole vengono distribuite agli investitori
  • ETF Azionari e Immobiliari: gli ETF azionari replicano gli indici azionari e anch’essi si possono dividere in base ai seguenti livelli:
    • geografico: cioè in base all’area geografica, ad esempio, globale, paesi emergenti, luoghi geografici specifici, ecc.
    • settoriale: cioè in base al settore economico o industriale
    • tematico: cioè in base al tema, come, ad esempio, quello ambientale
    • valuta: cioè in base alla valuta o se posseggono la copertura di cambio (hedged) oppure sono soggetti al rischio di cambio
    • legato alla volatilità: come gli ETF che replicano l’indice della paura, il VIX
    • non armonizzati: cioè ETF che non sono conformi alle norme europee e non sono quotati sulle borse europee
    • distribuzione dei dividendi: ad accumulazione, cioè i dividendi sono reinvestiti nell’ETF, o a distribuzione, cioè i dividendi sono distribuiti agli investitori
  • ETF Smart beta: ETF “speciali” che tendono a forme di gestione attiva o a replicare panieri costruiti in base a criteri di analisi fondamentale e statistica. Sono ulteriormente divisi in:
    • equal weight: attribuiscono lo stesso peso percentuale a ogni titolo che compone il benchmark
    • dividend weight: privilegiano le società che erogano dividendi elevati in termini di dividend yield (prezzo/dividendo)
    • value: selezionano titoli azionari in funzione dell’analisi fondamentale
    • growth: selezionano titoli azionari che si caratterizzano per elevati tassi di crescita
    • momentum: selezionano i titoli in funzione della tendenza, della forza relativa o della minore volatilità
    • ibridi: hanno caratteristiche sia value sia momentum
    • multiasset: sono composti contemporaneamente da obbligazioni e azioni

Gli ETF immobiliari vengono spesso trattati come un asset class a parte, ma in realtà appartengono alla categoria degli ETF azionari settoriali e replicano panieri composti da azioni di società immobiliari e REIT (Real Estate Investment Trust).

  • ETF Strutturati: sono degli ETF particolari che replicano strategie complesse o non lineari rispetto all’andamento del benchmark di riferimento. Essi si dividono al loro volta in:
    • short: permettono all’investitore di vendere allo scoperto e assumere una posizione inversa rispetto al sottostante. In sostanza, quando il prezzo del sottostante diminuisce, l’ETF short aumenta di valore. Quando invece, il prezzo del sottostante aumenta, l’ETF short perde di valore. Gli ETF short possono essere utilizzati con o senza leva e possono replicare sia sottostanti azionari sia obbligazionari. Vengono utilizzati di solito per fini speculativi o di copertura. Se tenuti per più di un giorno, gli ETF short possono differire in modo significativo rispetto al benchmark di riferimento
    • leveraged: permettono di amplificare, attraverso la leva finanziaria, la performance del benchmark. Amplificano però anche le perdite, per questo sono prodotti a carattere speculativo. 

ETN ed ETC

Come detto in precedenza, gli ETN (Exchange Traded Notes) e gli ETC (Exchange Traded Commodities) fanno parte degli ETP.

Gli ETN sono strumenti finanziari derivati cartolarizzati, emessi da banche a fronte dell’investimento diretto nel sottostante. Condividono insieme agli ETF il fatto di essere a replica passiva, di non avere scadenza e di essere negoziati in tempo reale su un mercato regolamentato. A differenza degli ETF però, non hanno il tracking error e sono soggetti al rischio insolvenza in caso di default dell’emittente, poiché non sono strumenti OICR e non prevedono la separazione del patrimonio. Gli ETN investono in sottostanti come materie prime, cross valutari o altri asset. 

Gli ETN che hanno come sottostante una materia prima sono chiamati ETC e possono avere replica fisica oppure sintetica. 

Costi

Gli ETF vantano costi abbastanza bassi, di solito compresi intorno allo 0,20-0,40% annuo. Questo è dovuto al fatto che non presentino costi di entrata, di uscita o di performance.  

Gli ETF hanno due tipologie di costo: i costi bancari, relativi alle commissioni di negoziazione che si pagano all’atto dell’acquisto o della vendita, e le commissioni di gestione annua, sintetizzati nel dato del TER (Total Expense Ratio) che, come detto prima, sono abbastanza bassi (0,20-0,40% annuo).

Un altro costo che può essere presente è dato dallo spread, differenza percentuale tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure compila il form sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Tasse e investimenti

Aprile 21, 2021

Nel mondo del trading e degli investimenti finanziari, la tassazione è un tema che viene spesso sottovalutato

Chi la sottovaluta potrebbe, ad esempio, ritenere erroneamente di non dover pagare le tasse, perché si è in possesso di un conto trading estero o perché si utilizzano broker online, mentre le tasse vanno assolutamente pagate anche in questi casi, se non si vuole andare incontro a sanzioni.

Per questo, se si fa trading o, in generale, se si investe nei mercati finanziari, è necessario conoscere la tassazione degli strumenti su cui investiamo.

Redditi diversi e redditi da capitale

Il primo concetto da conoscere, per quanto riguarda la tassazione degli strumenti finanziari, è la differenza fra le due tipologie di redditi che i nostri investimenti possono generare, ovvero quella fra redditi diversi e redditi di capitale.

I redditi di capitale vengono definiti certi, sia nell’ammontare, sia nell’esistenza. Esempi di redditi da capitale sono i dividendi e le cedole delle obbligazioni. Un dividendo è certo nell’ammontare e nell’esistenza, poiché noi sappiamo che, se possediamo una determinata azione di una determinata società, riceveremo in una certa data un certo ammontare di dividendo. Questo perché il dividendo è già stato approvato dall’assemblea e la sua esistenza non può essere messa in dubbio.

I redditi diversi invece sono incerti, sia nell’ammontare, sia nell’esistenza. Se noi compriamo un’azione, non sappiamo esattamente a quanto la rivenderemo e nemmeno sappiamo se guadagneremo effettivamente qualcosa da essa. Pertanto, le plusvalenze e le minusvalenze, cioè i profitti o le perdite, dati dalla compravendita di azioni o altri strumenti finanziari nel tempo sono redditi diversi.

tasse e investimenti

Come vengono tassati?

I redditi di capitale sono tutti tassati al 26%.

Anche i redditi diversi presentano generalmente una tassazione al 26%, ma con alcune eccezioni:

  • Titoli di Stato italiani o di Paesi presenti nella white list
  • Bond degli organismi internazionali

Queste eccezioni presentano una tassazione del 12,5%, anziché del 26%.

Nel caso si sia in possesso di fondi o ETF che investano in panieri che contengono al loro interno questi strumenti, ovvero titoli di Stato italiani o di Paesi presenti nella white list oppure bond degli organismi internazionali, pagherete il 12,5% sul capitale investito in essi e sul restante il 26%.

Compensare le minusvalenze

Conoscere la differenza fra redditi di capitale e redditi diversi è fondamentale per poter capire come compensare le minusvalenze. Le minusvalenze, come anticipato prima, sono le perdite generate dalla compravendita di azioni o altri strumenti finanziari.

In sostanza, se io compro un’azione a $100 e poi la rivendo a $90 avrò una perdita di $10, ovvero una minusvalenza. Queste minusvalenze possono essere compensate entro 4 anni, attraverso plusvalenze successivamente maturate. Se entro 4 anni dalla minusvalenza generiamo una plusvalenza, data, ad esempio, dalla vendita di un’azione, possiamo usare la minusvalenza pregressa per non pagare o per pagare meno tasse sulla plusvalenza.

Per fare un esempio, se generiamo $100.000 di minusvalenze e poi altri $100.000 di plusvalenze, possiamo utilizzare le minusvalenze pregresse per risparmiare i $26.000 che altrimenti dovremmo pagare sulle plusvalenze. Queste però, devono essere date esclusivamente da strumenti che generano redditi diversi, non potrai infatti, compensare una minusvalenza con un dividendo o con una cedola obbligazionaria.

Contrariamente a ciò che si può pensare, le plusvalenze e le minusvalenze generate dalla compravendita di fondi o ETF sono considerate redditi di capitale. Il motivo non è chiaro, ma lo stato considera i profitti ottenuti dalla vendita di fondi o ETF certi nell’ammontare e nell’esistenza, nonostante essi, in realtà, non lo siano. Ciò significa che le perdite generate dalla compravendita di questi strumenti non potranno essere compensate e i profitti dati dagli stessi non potranno poi essere utilizzati per compensare minusvalenze pregresse.

Regimi fiscali: dichiarativo e amministrato

Quando investiamo o facciamo trading nei mercati finanziari, possiamo scegliere se pagare le tasse in regime dichiarativo o in regime amministrato.

Il regime dichiarativo è un regime fiscale fai da te. Se si opera in questo regime infatti, all’inizio dell’anno, si dovrà stampare il rendiconto di tutte le operazioni fatte l’anno precedente e calcolare quante tasse bisognerà pagare. Trattandosi di calcoli complessi, chi opera in questo regime spesso porta il rendiconto al proprio commercialista e sarà lui a calcolare quanto il cliente dovrà pagare.

Il regime amministrato invece, prevede un intermediario, come una banca o un altro intermediario finanziario, che fa da sostituto d’imposta, ovvero si occupa lui degli adempimenti fiscali del cliente. Chi opera nel regime amministrato incassa direttamente quello che ha guadagnato al netto di tutte le tasse.

Se la stessa persona possiede due conti, uno in regime amministrato e uno in regime dichiarativo, o anche più conti in regime amministrato, non potrà compensare le minusvalenze di un conto con le plusvalenze di un altro.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure compila il form sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Copy trading eToro

Aprile 21, 2021

Cos’è il copy trading?

Il copy trading è una nuova tipologia di trading legata al social trading.

Il copy trading permette ai trader di copiare altri trader, investendo quindi non più sugli asset, ma sulle persone. 

I neofiti, ancora inesperti del mondo dei mercati finanziari, attraverso questa nuova tipologia di trading, possono seguire i trader più esperti, copiando dai loro trade profitti e perdite.

I broker che permettono di tradare con il copy trading non sono molti. Tra quelli che ne consentono l’utilizzo il più famoso è sicuramente eToro. 

eToro è stato infatti il primo a inserire questa nuova tipologia di trading nella sua piattaforma, attirando a questa nuova funzione tantissimi investitori. 

Come funziona il copy trading su eToro?

Il copy trading eToro è una delle funzioni rese disponibili dal broker con sede a Cipro.

Fare copy trading attraverso la piattaforma eToro è molto semplice e intuitivo. Una volta creato l’account infatti, basterà fare un giro sulla piattaforma per individuare i migliori social investors da copiare e poi, una volta individuati, potremo inserirli nel nostro portafoglio. Il copy trading consente quindi di generare un portafoglio basato sulle persone.

eToro dispone le seguenti clausole per l’utilizzo del copy trading:

  • $500 è l’importo minimo richiesto per investire in un trader
  • 100 è il numero massimo di trader che si possono copiare contemporaneamente
  • L’importo massimo che si può investire in un trader è $2.000.000
  • L’importo minimo di transazione è $2, se nell’account del copiatore l’importo proporzionale è inferiore a $2, allora la transazione non verrà aperta
  • Si possono copiare trader anche nel portafoglio virtuale
  • Solo i portafogli reali possono essere copiati

Come iniziare e smettere di copiare su eToro:

La funzione di copy trading di eToro è gratuita. Le commissioni di spread non variano in alcun modo dal trading individuale al copy trading.

Premesso ciò, per iniziare a copiare un trader su eToro è sufficiente cliccare sul pulsante “Copia persone”, sulla barra laterale a sinistra della piattaforma, sotto la sezione “Scopri”.

Dopo aver cliccato, si verrà reindirizzati alla pagina dei traders copiabili in primo piano di eToro. 

eToro offre criteri di ricerca avanzata per scoprire il trader da copiare più adatto alle esigenze dell’investitore.  

Le transazioni del trading copiatore vengono eseguite in tempi molto rapidi dal momento in cui il trader copiato ha eseguito le sue transazioni. 

Se si vuole smettere di copiare un trader invece, sarà sufficiente accedere al proprio portafoglio, cliccare sulle impostazioni sul lato del trader che si vuole smettere di copiare e selezionare l’opzione “Interrompi copia”.

eToro mette anche a disposizione la funzione “Pausa copia” che permettere di interrompere la copia di un trader, senza chiudere tutte le posizioni aperte in quel momento. Per attivare la funzione, è sufficiente cliccare sul pulsante “Pausa copia”, presente nelle impostazioni del proprio portafoglio. 

eToro mette a disposizione strumenti per comunicare tra traders. Se si vuole comunicare con un trader da noi copiato si può commentare o aprire una discussione all’interno del suo profilo.  

Copy trading: profitti e perdite

Quando si copia un trader su eToro, la piattaforma mostra:

  • L’importo investito: cifra che mostra l’importo iniziale investito nella copia inclusi eventuali fondi aggiunti successivamente
  • P/L($): cifra che mostra il profitto e la perdita in dollari che il trader ha realizzato per tutta la durata della copia
  • P/L(%): percentuale, rispetto all’importo investito, di profitto e perdita che il trader ha realizzato per tutta la durata della copia

Inoltre, la piattaforma consente anche di visualizzare un riepilogo dei fondi aggiunti e rimossi di una copia e tutte le transazioni che sono state fatte in una copia. Per visualizzare il primo, bisogna cliccare sul trader copiato nella propria pagina portafoglio e passare il mouse su “Denaro in entrata/uscita”. Per visualizzare il secondo, bisogna ugualmente cliccare sul trader copiato nella propria pagina portafoglio e poi cliccare in basso a destra su “Visualizza”.

Copy trading: valore della copia

Nel proprio portafoglio è possibile visualizzare il valore della copia, ovvero la cifra che mostra l’importo esatto che tornerebbe sul saldo del proprio account se si smettesse di copiare quel determinato trader.

Questa cifra tiene conto dell’importo investito inizialmente, dei fondi aggiunti o rimossi, di profitti perdite e di tutte le commissioni o dividendi che sono stati accreditati o addebitati. 

Il valore della copia viene quindi calcolato con la seguente formula: 

IMPORTO INIZIALE + DENARO IN/OUT + P/L – COMMISSIONI = VALORE

Copy stop loss e Copy dividend

Il Copy stop loss è una funzione automatica di controllo del rischio che consente di impostare uno stop loss in dollari sull’intero rapporto di copia. Se viene raggiunto quindi, un patrimonio di copia pari all’importo selezionato nel Copy stop loss, l’intera copia si chiude automaticamente.

Con il Copy dividend invece, quando il trader che stai copiando preleva dei profitti, l’importo proporzionale di questi verrà restituito al saldo del tuo account. Questo ti consente di godere dei profitti del trader che stai copiando, non solo una volta terminata la relazione di copia, ma anche mentre lo stai copiando. 

Copyportfolios

I copyportfolios sono prodotti premium offerti dalla piattaforma eToro. 

Esistono tre tipi di copyportfolios:

  • Top trader Copyportfolios: comprendono i trader con le performance migliori su eToro, secondo una strategia predefinita
  • Market Copyportfolios: raggruppano, secondo un tema predefinito, una combinazione selezionata di CFD in azioni, materie prime o ETF
  • Partner Copyportfolios: creati dai partner di eToro

I copyportfolios vengono ribilanciati periodicamente. Essi funzionano come se fossero un gruppo di trader che operano contemporaneamente per tuo conto. Poiché quindi vengono aperte a tuo nome diverse posizioni, l’importo minimo per investire è di $5.000.

Essendo diverse posizioni, non è possibile chiudere singole posizioni all’interno dei Copyportfolios, se si vogliono monetizzare i profitti o comunque chiudere posizioni, allora è necessario chiudere l’intero investimento. 

I copyportfolios non presentano commissioni di gestione, ma sono soggetti agli spread di eToro.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata alle Tasse eToro sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

eToro Partners

Aprile 21, 2021

Cos’è eToro Partners?

eToro Partners è il programma che paga gli affiliati di eToro per il traffico indirizzato alla piattaforma dalle loro fonti online, come siti web, blog, social network o altro, o dalle loro attività offline.

La partnership con eToro permette di guadagnare una quota dei profitti che i trader indirizzati dagli affiliati portano alla piattaforma.

Il partner di eToro può guadagnare denaro dal suo traffico, attraverso gli strumenti di marketing (marketing tools) disponibili, come link diretti, banner, video o altro.

Come funziona?

Ogni volta che un visitatore clicca su un link partner o su un altro strumento di marketing di un affiliato viene indirizzato al sito di eToro.

Se il visitatore decide poi di registrarsi come utente eToro e finanziare il suo conto trading, allora il programma eToro Partners monitora il traffico che lo ha indirizzato e paga l’affiliato in base al piano di commissioni che ha scelto.

I guadagni generati dal programma eToro Partners sono soggetti a un importo minimo, ovvero $100 per un trasferimento tramite eWallets o $500 per un deposito tramite bonifico bancario. 

I versamenti vengono corrisposti in base al metodo di pagamento preferito dell’affiliato oppure accreditati direttamente sul suo account eToro trading.

etoro partners

Cosa sono i piani di commissioni per gli eToro Partners?

I piani di commissioni per gli eToro Partners sono piani predefiniti basati sui CPA (Cost Per Acquisition).

Un CPA per essere valido deve soddisfare i seguenti requisiti: 

  • l’utente indirizzato deve essere nuovo su eToro. Non può avere quindi un altro account. Gli affiliati a eToro Partners non riceveranno CPA se lo stesso utente apre più account
  • l’utente indirizzato deve effettuare un FTD (First Time Deposit), ovvero un primo deposito con denaro reale
  • l’utente indirizzato deve generare almeno $10 dollari di commissioni su eToro

Quali sono gli strumenti di marketing di eToro Partners?

eToro Partners offre ai suoi affiliati molti strumenti di marketing, tutti disponibili in più lingue. Vediamone alcuni:

  • Banners: I banner di eToro Partners sono realizzati dal team creativo addetto al marketing di eToro. Sono disponibili diverse tipologie di banner in 19 lingue
  • Video: eToro Partners possiede diversi video promozionali da poter utilizzare per gli spazi web degli affiliati
  • Widgets: Miniprogrammi disponibili per i siti web degli affiliati che mostrano dati di mercato in tempo reale
  • E-mails: eToro Partners mette a disposizione l’invio di modelli di e-mail promozionali
  • Landing Pages: Sono delle pagine visualizzate dai visitatori dei siti web quando cliccano determinati link o promozioni. Esse presentano ai visitatori la piattaforma eToro

Per utilizzare questi strumenti, l’affiliato deve seguire determinati passaggi:

  • Accedere al programma eToro Partners, inserendo il proprio nome utente e la password
  • Andare sulla barra del menù a sinistra e cliccare su “Scegli strumenti di marketing
  • Selezionare la lingua e gli strumenti desiderati
  • Copiare il codice HTML per incorporarlo al proprio spazio web

Tutti gli strumenti di marketing possiedono un link identificativo associato direttamente all’account dell’affiliato. Quest’ultimo può controllare la sua attività utilizzando i report di eToro. 

Altro su eToro Partners

eToro Partners mette a disposizione la funzione creatore di link con la quale permette all’affiliato di collegare la sua promozione a qualsiasi pagina di eToro. Questo aggiungerà i parametri di monitoraggio dello stesso a qualsiasi URL di eToro. Questa funzione può rivelarsi utile per promuovere un determinato asset specifico o un determinato Popular Investor (se non hai idea di cosa siano, puoi leggere l’articolo apposito su di loro).

L’affiliato può visualizzare i report completi per monitorare e ottimizzare la sua campagna facendo clic su “Il mio report”. L’affiliato ha anche a disposizione opzioni di monitoraggio avanzate come, ad esempio, il parametro dinamico che consente di operare una distinzione tra le campagne dirette alla stessa pagina di destinazione.

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata alle Tasse eToro sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Gli strumenti finanziari di eToro

Aprile 21, 2021

Gli strumenti finanziari di eToro

Sono a disposizione dell’investitore differenti assett, come materie prime, criptovalute, indici ed ETF

Alcune posizioni su eToro comprendono l’acquisto e la proprietà degli asset sottostanti come azioni o criptovalute, ma solo come posizioni in long e senza leva. Se invece si vuole fare short selling o utilizzare la leva finanziaria, bisogna operare con i CFD. Quest’ultimi sono contratti derivati complessi che non implicano la proprietà del sottostante (per approfondire l’argomento puoi leggere l’articolo dedicato ai CFD).

Ora vediamo nello specifico gli asset messi a disposizione da eToro.

Azioni

Il mercato azionario è dinamico e presenta molte opzioni per i trader. Le azioni sono generalmente utilizzate per investimenti di medio-lungo periodo. Esse non sono altro che un titolo finanziario rappresentativo di una quota della proprietà di una società. Il mercato delle azioni può venire influenzato da vari fattori macro e microeconomici. Alcune notizie possono influenzare il prezzo di un’azione facendolo diminuire o aumentare come, ad esempio, la pubblicazione degli utili dell’azienda, il lancio dei nuovi prodotti o la variazione dei prezzi delle azioni concorrenti.

eToro consente di comprare la proprietà delle azioni acquistandole in long e senza leva. L’azione verrà così tenuta a tuo nome. Le società che producono utili spesso distribuiscono dividendi ai loro azionisti. Se possiedi le azioni di queste società, allora riceverai anche i dividendi.

eToro offre anche la possibilità, tramite il trading in CFD, di aprire posizioni in short, di utilizzare la leva finanziaria, e di comprare frazioni di azioni, ovvero investire anche solamente $100 in un’azione che in realtà costa $300.

Criptovalute

Le criptovalute sono degli asset che utilizzano la tecnologia blockchain. La loro popolarità è cresciuta in modo incredibile negli ultimi anni e, per questo, sono diventate un punto di riferimento per molti trader. Il mercato delle criptovalute è molto volatile ed è abbastanza comune osservare fluttuazioni percentuali a doppia cifra anche in una sola giornata. La criptovaluta più famosa e diffusa è sicuramente il Bitcoin. 

eToro consente di acquistare cripto, prendendo la proprietà dell’asset sottostante che viene comprato e tenuto da eToro per tuo conto. Queste transizioni sono in long e senza leva. L’acquisto e la vendita di questi asset sottostanti non sono regolamentati e non è prevista protezione per gli investitori.

Le posizioni in short o con la leva sono invece fatte utilizzando CFD e sono quindi regolamentate.

Materie prime

Sono uno degli asset sicuramente più antico del mondo degli investimenti. Le materie prime hanno una rappresentanza fisica nel mondo reale che sia gas, petrolio, oro o altro. I loro prezzi di mercato pertanto, vengono influenzati anche da eventi del mondo reale. Alcune materie prime, come l’oro, sono considerati beni rifugio che danno stabilità e una buona diversificazione al portafoglio.

Su eToro fare trading sulle materie prime è possibile solo operando in CFD. Pertanto, non viene acquistata realmente l’attività sottostante e si possono aprire posizioni anche in short, con leva e con proprietà frazionale, investendo, ad esempio, $200 in oro, anche se una singola unità costa $1000.

strumenti finanziari di etoro

Valute

Il mercato delle valute è uno dei più grandi al mondo ed è incredibilmente volatile, con variazioni che si verificano anche nell’arco di pochi secondi.

Per questo motivo, chi fa trading in questo mercato opera generalmente intraday, ovvero nell’arco della stessa giornata e spesso apre e chiude le posizioni nel giro di qualche minuto. La fluttuazione nel mercato delle valute è misurata in un’unità molto piccole, ovvero in pip.

Questo mercato richiede capitali considerevoli per generare profitti rilevanti. Per questo motivo, nel mercato delle valute sono grandemente offerte delle transizioni con leva a rapporto fisso. Con un rapporto 1:100, ad esempio, per ogni dollaro investito avremo altri $99. La leva però, può rappresentare un forte pericolo nel caso in cui si abbiano delle perdite. I tassi di cambio delle valute possono essere influenzati da vari fattori ed eventi economici. 

Come per le materie prime, su eToro è possibile fare trading nel mercato delle valute solo operando con i CFD.

ETF

Un ETF (Exchange Traded Fund) è un fondo che replica, generalmente passivamente, diversi asset raggruppati insieme, funzionando come un unico asset negoziabile. 

Gli ETF seguono generalmente l’andamento di un indice sottostante e rappresentano un’opzione a basso rischio per gli investitori. 

Gli ETF sono creati da organismi finanziari e sono considerati strumenti di investimento a lungo termine, orientati verso un rischio basso e verso profitti costanti nel tempo. 

Come per le azioni, gli ETF, acquistati in long e senza leva su eToro, sono comprati e tenuti a tuo nome, investendo sull’asset sottostante, mentre se si vuole fare short selling, usare la leva finanziaria o comprare frazioni di ETF, allora si dovrà operare con i CFD.

Indici

Tutti i più importanti mercati azionari del mondo hanno uno o più indici che riflettono lo stato di quel mercato. Ogni azione ha un effetto diverso sugli indici di mercato e quindi, alcune società possono avere un peso maggiore rispetto alle altre all’interno dei propri indici. 

Su eToro gli indici vengono negoziati interamente come CFD, dal momento che non sono asset finanziari su cui si può investire direttamente.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata alla tassazione del conto eToro: 730/740 precompilato !

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Chi sono i Popular Investor di eToro?

Aprile 21, 2021

I Popular Investor di eToro sono particolari trader e utenti della piattaforma che guadagnano un secondo reddito per essere seguiti e copiati da altri clienti della stessa piattaforma

Come guadagnano?

I Popular Investor di eToro possono guadagnare attraverso pagamenti fissi, disponibili fino al 2% del loro patrimonio gestito annuo. Quest’ultimo è chiamato AUM (Acronimo di Assets Under Management) ed equivale al patrimonio totale utilizzato per copiare un trader, inclusi profitti e perdite non monetizzati.

Il pagamento del Popular Investor è stabilito in base al suo livello.

I Popular Investor possono avere 4 diversi livelli: Cadet, Champion, Elite ed Elite Pro. Per passare da un livello all’altro è necessario soddisfare determinati requisiti, tra cui avere una certa quantità di AUM.

I pagamenti per la gestione dei portafogli si aggiungono a qualunque profitto realizzato con le operazioni di trading dal Popular Investor. Gli stessi, inoltre, vengono inviati al suo account eToro e prelevati automaticamente al suo metodo di pagamento.

La violazione delle linee guida da parte dei Popular Investor o la non soddisfazione dei requisiti possono portare alla revoca del loro pagamento. Le motivazioni più comuni possono essere: la violazione delle restrizioni alla leva o del punteggio di rischio, la non soddisfazione dei requisiti di patrimonio, la mancanza di rispetto verso gli altri e l’abuso dei feed.

popular investor di etoro

Come si diventa un Popular Investor di eToro?

Per entrare nel programma Popular Investor di eToro è necessario fare domanda alla piattaforma. Prima di farlo però, bisogna completare il proprio profilo eToro, svolgendo le seguenti azioni:

  • Verificare la propria e-mail
  • Aggiungere un’immagine reale di sé stessi
  • Condividere il proprio nome reale nel proprio profilo
  • Illustrare la propria strategia di trading nell’area “Biografia” del profilo

Quando farai la domanda, inoltre, dovrai accettare i requisiti di trading responsabile.

Fare trading responsabile significa non eccedere oltre determinati livelli con la leva finanziaria e non superare un punteggio di rischio pari a 6 che è il massimo punteggio di rischio consentito per i Popular Investor.

Il punteggio di rischio, come dice il nome, mostra il rischio assunto dal trader e viene calcolato utilizzando una speciale formula creata da eToro. Il punteggio è calcolato su una scala da 1 (rischio minimo) a 10 (rischio massimo).

Chi vuole accedere al primo livello di Popular Investor, il livello Cadet, inoltre, dovrà soddisfare altri requisiti:

  • Non aver posizioni aperte che eccedano le leve consentite dal trading responsabile
  • Non aver avuto un punteggio di rischio superiore a 6 negli ultimi 2 mesi
  • Non aver registrato una perdita mensile superiore al 20% nei 6 mesi precedenti (esclusi grossi cali di mercato)
  • Non star copiando altri utenti o Copyportfolio
  • Aver almeno 2 mesi nella propria pagina Statistiche di cronologia di trading
  • Avere un account con un patrimonio medio minimo di $1.000
  • Avere una media di almeno 1 copiatore verificato nell’ultimo mese
  • Avere avuto un AUM medio di almeno $500 nell’ultimo mese

Per passare al livello successivo invece, il livello Champion, si dovrà conseguire i seguenti requisiti:

  • Essere stato nel livello Cadet per almeno 2 mesi
  • Avere un account con un patrimonio medio di almeno $5.000
  • Aver avuto una media di almeno 10 copiatori verificati nell’ultimo mese
  • Aver avuto un AUM medio di almeno $50.000 nell’ultimo mese

Chi si trova al livello Champion riceve un pagamento di $400 mensili, oppure $800 se il loro AUM è cresciuto dell’1% nel mese precedente, e un rimborso fino a $100 per libri di investimento. 

Per salire al terzo livello, il livello Elite, sarà necessario invece possedere questi requisiti: 

  • Essere stato al livello Champion per almeno 4 mesi
  • Avere un account con un patrimonio medio di almeno $25.000
  • Aver avuto un AUM medio di almeno $500.000 nell’ultimo mese

Chi fa parte del livello Elite riceve un pagamento pari all’1,5% del suo AUM medio annuale, oppure il 2% se il suo AUM è cresciuto di almeno l’1% nel mese precedente, più un ulteriore rimborso di $100 per libri di investimento. 

Infine, per passare all’ultimo livello, Elite Pro, si dovranno soddisfare i seguenti requisiti:

  • Essere stato nel livello Elite per almeno 2 mesi
  • Avere un account con un patrimonio medio di almeno $50.000
  • Aver avuto un AUM medio di almeno $10.000.000 nell’ultimo mese

Chi si trova in quest’ultimo livello riceve un pagamento pari al 2% del suo AUM annuale o 2,5% se ha avuto un aumento dell’1% del suo AUM nell’ultimo mese, più un ulteriore rimborso di $100 dollari per libri di investimento.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata a eToro sul nostro sito!

Guida a eToro

Aprile 21, 2021

In questa pagina trovi una guida a eToro, una delle piattaforme di trading più utilizzate a livello mondiale!

Chi è eToro?

eToro è una società che dà la possibilità ai propri clienti di effettuare trading e ha sedi legali a Cipro, Israele, Regno Unito, Stati Uniti e Australia. I suoi principali uffici però si trovano a Limassol (Cipro), Londra (Regno Unito) e Tel Aviv (Israele), mentre in altri Paesi possiede uffici regionali. 

E’ famoso per essere una piattaforma di trading online che mette a disposizione sia strategie di trading individuale o manuale, sia strategie di social trading e copy trading.  

Per chi utilizza le prime, eToro offre la possibilità di acquistare e vendere azioni, ETF, valute, criptovalute, materie prime o altri strumenti finanziari come i CFD. 

Per chi vuole specializzarsi invece, nel social trading, eToro è forse la piattaforma più conosciuta in questo campo per via del suo sistema di copy trading. Quest’ultimo dà la possibilità ai clienti, soprattutto ai neofiti del mondo del trading, di poter “copiare” il portafoglio di altri utenti più esperti. Per fare ciò, eToro mostra in totale trasparenza i dati relativi a ciascun cliente, come la percentuale di guadagno, il punteggio di rischio e la composizione del portafoglio (puoi leggere l’articolo del nostro blog sul social trading).

eToro

Adesso vediamo come utilizzare la piattaforma.

Come iscriversi a eToro?

Iscriversi a eToro è semplice e gratuito. eToro infatti, non presenta commissioni né per la creazione né per la gestione dell’account (se vuoi saperne di più sulle commissioni di eToro, puoi leggere l’articolo apposito).

Per iniziare l’iscrizione, è necessario visitare il sito di eToro ed entrare nella pagina apposita. 

Una volta fatto, verrai reindirizzato al modulo di iscrizione, dove dovrai compilare pochi e semplici dati quali: nome utente, e-mail, password, e numero di telefono. 

Dopo esserti iscritto, dovrai confermare la tua mail e una volta fatto, avrai a disposizione l’intera piattaforma.

Conto virtuale e conto reale

eToro mette a disposizione, oltre a un conto dove potrai depositare il tuo denaro e utilizzarlo per fare trading, detto conto reale, anche un conto demo, chiamato conto virtuale, che potrai utilizzare per esercitarti e per conoscere meglio la piattaforma.

Le sezioni della piattaforma

La grafica di eToro riporta il simbolo di ogni asset, accompagnato dai suoi valori, trasmessi in tempo reale. 

Sulla sinistra si possono trovare invece, le sezioni della piattaforma, mentre in basso si trova il saldo del portafoglio virtuale, nel caso si utilizzi il conto demo, oppure i dati del conto reale, nel caso opposto. 

La sezione investi

Trattiamo ora la prima sezione, ovvero la sezione investi.

Quest’ultima comprende:

  • Lista preferiti
  • Portafoglio
  • Bacheca

Nella prima, troverai una lista di strumenti finanziari che potrai modificare a tuo piacimento, eliminandone alcuni o aggiungendone altri. 

Per ciascun asset, ti verrà mostrato: la variazione, il grafico con l’andamento in tempo reale, il prezzo di vendita per aprire una posizione short, il prezzo di acquisto per aprire una posizione long e il sentiment di mercato degli utenti di eToro.

Per ampliare la lista preferiti è sufficiente cliccare su “aggiungi mercato”. Inoltre, oltre alla propria lista preferiti sarà possibile creare altre liste personalizzate, usando il pulsante “crea un nuovo elenco”.

Nella sezione portafoglio invece, potrai visualizzare tutti gli strumenti su cui hai aperto una posizione.

Nella sezione bacheca troverai la parte social della piattaforma. Lì potrai vedere i commenti degli altri traders. 

La bacheca è personalizzabile. Scegliendo l’opzione “Feed pubblico in italiano”, infatti, vedrai i commenti solo di traders italiani.

La sezione cerca

La sezione cerca si divide a sua volta in tre parti:

  • Mercati
  • Persone
  • Copyportfolios

Nella prima avrai a disposizione tutti i mercati disponibili su eToro per categoria (indici, azioni, ETF, criptovalute, valute, ecc.) 

Nella seconda invece, troverai i traders più famosi, ovvero quelli seguiti da più utenti, che volendo potrai anche decidere di copiare con la funzione di copy trading. 

Nell’ultima troverai fondi composti sia da più asset, sia da più traders copiabili. 

La sezione più 

Nella sezione più avrai a disposizione varie funzioni quali, ad esempio, “eToro club”, oppure “invita amici”, se vuoi invitare i tuoi amici ad usare la piattaforma. 

Inoltre, in questa sezione troverai “Aiuto”, la sezione dedicata alle FAQ, la sezione “Guida”, che ti offrirà un breve tutorial, e ovviamente le impostazioni, dove troverai il tasto “deposita fondi”, per versare il tuo denaro nella piattaforma. 

Se, invece, vorrai prelevare denaro dalla piattaforma dovrai cliccare su “Prelevare fondi”.

L’app di eToro

L’app di eToro è disponibile sia su iOS sia su Android ed è scaricabile negli appositi store.

L’app di eToro permette di rimanere connessi con la piattaforma ovunque e di ricevere notifiche in tempo reale. Essa consente di eseguire tutte le azioni disponibili sulla piattaforma e fornisce notifiche sugli eventi rilevanti del mercato.

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata a eToro sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Che cos’è il social trading?

Marzo 25, 2021

Possiamo parlare di due tipologie di trading: il trading individuale e il social trading.

Nel trading individuale il trader effettua da solo i suoi trade, senza particolari contatti sociali con gli altri utenti. Nel social trading invece, i trader sono in contatto tra loro e si scambiano informazioni attraverso delle reti sociali

Il social trading è un fenomeno abbastanza recente. Viene eseguito attraverso delle piattaforme, appunto, di social trading che vengono considerate come delle sottocategorie dei social network online.

Attraverso queste piattaforme, i trader possono venire a contatto fra di loro e scambiarsi informazioni. In questo modo, i trader analizzano i dati attraverso le azioni degli altri trader piuttosto che utilizzando l’analisi fondamentale e l’analisi tecnica. I neofiti, soprattutto, o comunque i trader con poca o nessuna conoscenza dei mercati, utilizzano queste piattaforme per imparare dai trader più esperti e, molto spesso, copiare direttamente le loro azioni. 

Il social trading è quindi caratterizzato da una libera circolazione delle informazioni da parte dei trader e da una particolare trasparenza, soprattutto da parte dei trader più esperti che condividono le loro statistiche con i trader emergenti attraverso la piattaforma.

Inoltre, il social trading può anche rivelarsi cooperativo. I traders hanno l’opportunità di lavorare in gruppi e collaborare fra loro all’interno dei mercati di trading, condividendo non solo informazioni, ma anche fondi.

Questa tipologia di trading, quindi, si rivela molto utilizzata da chi non è particolarmente esperto dei mercati finanziari o da chi non ha il tempo o le risorse per dedicarsi ai tradizionali metodi di investimento o di trading individuale. Il social trading consente di fare trade attraverso gli altri, diminuendo così le competenze e le conoscenze da avere per fare trading.

All’interno del social trading troviamo il copy trading. Questi due concetti spesso vengono scambiati fra di loro e usati come sinonimi, ma farlo non è del tutto corretto. Vediamo perché.

Che cos’è il copy trading?

Spesso si confonde il copy trading col social trading e si usano questi termini come sinonimi. In realtà il social trading rappresenta un concetto più ampio e indica, come spiegato prima, una metodologia di trading legata alle piattaforme di social trading e alla connessione fra i traders. Il copy trading potremmo più identificarlo invece come un sottogenere del social trading. Quindi, in sostanza, il copy trading è sempre anche social trading, mentre il social trading non è sempre per forza copy trading. 

Fatta questa premessa, possiamo ora parlare più nello specifico del copy trading. 

Il copy trading è una tecnica di trading che permette di copiare in tutto o in parte le posizioni di un altro trader o di altri traders, e collegarli al proprio portafoglio. 

Collegando quindi il proprio portafoglio a quello di un altro trader più esperto si potrà copiare in tutto in parte le sue posizioni. Perciò, quando il trader seguito aprirà una posizione, anche voi l’aprirete, e viceversa, quando il trader seguito chiuderà una posizione, anche voi la chiuderete. Questo collegamento, ovviamente, lo ritroveremo anche per quanto riguarda i profitti e le perdite. 

Di solito però, la copia non è quasi mai assoluta. Chi pratica il copy trading avrà non solo la libertà di scegliere di copiare il trader o i traders che più preferisce, ma anche la possibilità di gestire attivamente il proprio portafoglio. Il trader copiatore infatti può decidere attivamente se chiudere o no una posizione indipendentemente da quello che farà il trader copiato. 

La bravura del trader copiatore sta quindi nel trovare il miglior o i migliori traders da copiare, ma anche dal saper gestire il proprio portafoglio, discostandolo quando e quanto si vuole dal portafoglio del trader copiato.  Possiamo quasi dire quindi, che l’investimento sia verso il trader da copiare e non verso le azioni, materie prime, forex o qualunque altra cosa sia all’interno dei portafogli. 

Anche se il principio di base rimane lo stesso, ovvero trovare uno o più trader da copiare, le varie piattaforme hanno regole diverse per il copy trading e il modo di utilizzarlo quindi può essere altamente variabile a seconda del broker. 

Molti broker, ad esempio, per salvaguardare la diversificazione dei portafogli, non consentono di investire più del 20% del proprio portafoglio in un solo trader.

La piattaforma più famosa per fare copy trading è sicuramente eToro.

social trading

Come funziona il copy trading su eToro?

eToro dà la possibilità di vedere in ogni momento della giornata cosa fanno i traders che si mettono a disposizione per farsi copiare da altri traders. È infatti possibile visualizzarli in una sorta di classifica in base ai risultati raggiunti ed è possibile anche vedere quanti traders li seguono. In certi casi, è anche possibile dialogare con il trader che stai seguendo, ottenendo da lui dei feedback per aiutarti nel tuo percorso. Ovviamente più il trader copiato ha seguaci, più è difficile che passi il tempo a dialogare e a inviare feedback a chi lo copia. 

Parlando dal punto di vista più tecnico, eToro pone determinati limiti al copy trading: 

– Importo minimo di 500$ per poter investire in un trader.

100 come numero massimo di trader da copiare contemporaneamente. 

– Importo massimo di 2.000.000$ da poter investire in un trader.

2$ come importo minimo di transazione. 

Per quanto riguarda l’ultimo punto, quando copiamo un trader in maniera proporzionale, cioè copiando la sua posizione investendoci del denaro con un rapporto proporzionale, dobbiamo stare attenti che la posizione copiata non generi una transazione inferiore ai 2 dollari, poiché in quel caso non verrà copiata. 

Inoltre, eToro dà la possibilità ai traders di copiare altri traders anche coi portafogli virtuali. Invece, un portafoglio, per poter essere copiato deve essere reale.

 

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata alle Tasse eToro sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina 

Quali sono le commissioni di eToro?

Marzo 25, 2021

Nonostante l’iscrizione a eToro sia completamente gratuita, anch’esso, come tutti i broker, si finanzia attraverso delle commissioni e degli spread applicati ad alcune operazioni

Commissioni sulle azioni

Per quanto riguarda le azioni e gli ETF, eToro presenta zero commissioni per l’apertura e la chiusura di posizioni long e senza leva. Il regime a zero commissioni non si applica invece per lo short selling o per l’utilizzo della leva finanziaria, anche se si tratta di azioni o ETF. 

Oltre alle azioni ed ETF (in long e senza leva), eToro non presenta commissioni per l’iscrizione, come già accennato, per la gestione dell’account, per il servizio di copy trading e per il deposito (ma solo se si effettua il versamento in USD).

Commissioni sul deposito

Come detto in precedenza, eToro non prevede commissioni sul deposito, ma prevede commissioni per quanto riguarda la conversione.

eToro opera in dollari statunitensi (USD), se verserai quindi del denaro in un’altra valuta, ad esempio l’euro (EUR) sarai soggetto alla commissione di conversione. 

La commissione di conversione varia a seconda della valuta versata (eToro accetta depositi con 9 valute diverse) e a seconda del metodo di pagamento scelto. 

Le nove valute accettate da eToro sono: EUR, GBP, AUD, RMB, THB, IDR, MYR, VND, PHP.

I metodi di pagamento accettati da eToro sono: carta di credito o debito, bonifico bancario, PayPal, Skrill, Neteller, UnionPay, RapidTransfer.

Le commissioni di conversione vengono calcolate attraverso i Pip (piccoli movimenti di prezzo numerici associati ad un asset), per quanto riguarda le coppie di valute, i Pip realizzano un numero con quattro cifre dopo il punto decimale, che viene sottratto al tasso di cambio ufficiale.

Se, ad esempio, versiamo dei soldi in EUR tramite bonifico avremo una commissione di 50 Pip che equivalgono a 0,0050 USD. Con un tasso di cambio ufficiale, per esempio, EUR/USD di 1 EUR = 1,19 USD, ci ritroveremo ad operare con un tasso di cambio di 1,19 USD – 0,0050 USD = 1,185 USD. Quest’ultimo sarà il tasso di cambio di riferimento per eToro. 

Perciò supponendo di versare 200 euro (deposito minimo su eToro), non ci ritroveremo 200 EUR x 1,19 USD= 238 USD, come dovrebbe essere utilizzando il cambio ufficiale, ma ci ritroveremo 200 EUR x1,185 USD= 237USD, ovvero un dollaro in meno. Ovviamente più si versa più la cifra che si pagherà per la conversione diverrà alta.

commissioni

Short selling e leva finanziaria

Qualora si volesse vendere allo scoperto o utilizzare la leva finanziaria su posizioni long, la posizione si trasformerebbe in automatico in CFD. Quest’ultime presentano commissioni sullo spread e overnight.

Commissioni su CFD

I CFD sono prodotti derivati che non comportano l’acquisizione reale del sottostante. Essi sono soggetti allo spread e alle commissioni overnight. 

Lo spread è la differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita di un determinato asset, mentre le commissioni overnight si applicano solo sui CFD che rimangono aperti durante la notte. Esse fungono da pagamenti di interessi per la leva sui CFD che si utilizza overnight. 

Le commissioni spread si calcolano attraverso i pip e dipendono dalla natura dell’asset sottostante (coppia di valute, materie prime o altro).

Per quanto riguarda le azioni, ETF o criptovalute venduti allo scoperto o in long con l’utilizzo della leva finanziaria, essi vengono tramutati automaticamente in CFD e sono soggetti a una commissione fissa dello 0,9% a cui si aggiunge la commissione overnight.

Nel caso si utilizzi il copy trading (il quale non presenta commissioni aggiuntive di per sé) si dovrà pagare comunque le commissioni dei CFD, nel caso il trader che vogliamo copiare operi con essi. 

Commissioni sulle criptovalute

Le uniche commissioni di eToro sulle criptovalute sono basate sullo spread. E’ calcolato attraverso i pip e varia a seconda della criptovaluta. Come già detto, se la criptovaluta viene venduta allo scoperto o con leva viene automaticamente tramutata in CFD, come succede per le azioni e gli ETF, ed è soggetta a commissioni overnight.

Commissioni sul prelievo

Il prelievo vede una commissione di 5$, a cui poi vanno ad aggiungersi le commissioni di conversione, nel caso utilizzassimo una valuta diversa dagli USD.

Le commissioni di conversione per il prelievo similmente a quelle per il deposito sono calcolate attraverso i pip e variano in base al metodo di pagamento e alla valuta. Il prelievo presenta anche delle tempistiche diverse a seconda del metodo di pagamento utilizzato.

Commissione per inattività

Lasciare l’account eToro senza login per più di 12 mesi presenta un costo, ovvero una commissione mensile di 10$ per inattività su qualsiasi saldo residuo disponibile. Le posizioni aperte non verranno chiuse per coprire le commissioni.

Hai bisogno di aiuto? Contattaci in chat, per email a info@tassetrading.it oppure visita la pagina dedicata alle Tasse eToro sul nostro sito!

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina