Laura Nessun commento

Come si dichiarano le tasse su COINBASE?

 

Coinbase è  una piattaforma online, tramite la quale puoi acquistare, vendere e conservare criptovalute. Nasce nel 2012 ed oggi è uno degli exchange di criptovalute più famosi in assoluto. Con sede a San Francisco, negli Stati Uniti, conta circa 73 milioni di utenti verificati. La piattaforma supporta un numero elevato di criptovalute e i vertici di Coinbase hanno annunciato di voler aumentare il supporto a nuove criptovalute.

 

Tasse Coinbase

Coinbase ha sede all’estero, negli Stati Uniti,  e deve sempre essere inserito nel Modello Redditi Persone Fisiche tramite la propria dichiarazione dei redditi. Sempre, anche se non sono stati fatti prelievi dal conto o anche in assenza di minusvalenze.

Non ci sono soglie minime sotto le quali viene meno l’obbligo di dichiarare il conto. Il conto Coinbase deve sempre essere dichiarato nel quadro RW del Modello Redditi.

Talvolta, occorre compilare anche il quadro RT (in caso di plusvalenze) e il quadro RL (in caso di redditi percepiti da interessi).

 

Quali sono i quadri da compilare per il conto Coinbase?

QUADRO RW: ai fini del monitoraggio fiscale

QUADRO RT: da compilare solo se si hanno delle plusvalenze derivanti dalle criptovalute e si ha superato la soglia di €51.645,69 per 7 giorni lavorativi consecutivi in valuta estera. Per approfondimenti su come calcolare questa soglia visita il nostro articolo qui (link).

QUADRO RL: da compilare se si ottengono redditi da staking, mining e airdrop.

 

Se non supero la soglia di €51.645,69 posso non dichiarare il conto nel quadro RT?

Certo, se non superi la soglia di €51.645,69 di valuta estera (sommando tutti i conti correnti, i conti deposito, gli exchange e i wallet detenuti) non sei tenuto a compilare il quadro RT e non devi versare imposte sui tuoi profitti da criptovalute. Questo può essere fiscalmente vantaggioso rispetto agli investimenti in altri strumenti finanziari (come azioni, opzioni, ecc,) che invece sono sempre tassati al 26%, ma attenzione che come non puoi dichiarare le plusvalenze, allo stesso modo non puoi dichiarare le minusvalenze e di conseguenza perderai la possibilità di compensarle con eventuali profitti nei 4 anni successivi.

Se hai elevate minusvalenze, in un’ottica continuativa dell’attività di trading, potrebbe essere conveniente superare questa soglia. Ma di questo abbiamo parlato a lungo in una lezione della nostra guida fiscale che puoi leggere qui.

 

Devo dichiarare il conto Coinbase anche se ho fatto un solo deposito senza fare operazioni?

Si, l’obbligo di monitoraggio fiscale scatta dal momento in cui si apre un conto all’estero e si effettua il primo deposito. Con un saldo maggiore di 1 euro per un giorno si deve compilare il quadro RW.

Come fare la dichiarazione dei redditi per Coinbase

 

Coinbase mi rilascia la documentazione per fare la dichiarazione dei redditi?

No, Coinbase come quasi tutti i conti esteri non rilasciano documentazione adeguata per fare in autonomia la dichiarazione dei redditi. La documentazione rilasciata da Coinbase è puramente informativa e non segue la normativa fiscale italiana. Per dichiarare il conto occorre calcolare i saldi convertendo le criptovalute al tasso di cambio opportuno e applicare la metodologia del LIFO sulle operazioni effettuate.

 

Se apro un conto Coinbase sono obbligato a fare la dichiarazione dei redditi?

Si, il conto Coinbase deve essere inserito nel Modello Redditi Persone Fisiche tramite la dichiarazione dei redditi.

 

Sono un lavoratore dipendente, faccio il 730 posso avere un conto Coinbase?

Certamente, potrai continurare a fare il Modello 730 e a parte integrerai con il Modello Redditi PF per Coinbase.

 

SCADENZE FISCALI

Quali sono le scadenze fiscali da ricordare?

 

Il conto Coinbase va inserito in dichiarazione e segue le scadenze fiscali delle persone fisiche:

30 giugno: primo versamento delle imposte

30 luglio: secondo versamento delle imposte (con maggiorazione 0.4% delle imposte da pagare)

30 novembre: invio dichiarazione dei redditi

 

COINBASE

Cosa offre Coinbase?

Coinbase offre un ampio servizio che comprende:

  • Exchange: acquistare, vendere e usare criptovalute;
  • Wallet: conservazione sicura delle tue criptovalute;
  • USD Coin: acquisto e negoziazione di una stablecoin, ovvero una criptovaluta che ha un prezzo stabile;
  • Earn: una funzione utile per migliorare le tue conoscenze sulle criptovalute e guadagnarne gratis;
  • Pro: è la funzione destinata agli operatori esperti, per transazioni avanzate in criptovaluta.
  • Commercio: accettazione pagamenti in criptovaluta;
  • Custody: conservazione della criptovaluta con un servizio dedicato alle istituzioni;
  • Ventures: raccolta fondi per la propria startup.

Commissioni e costi

Per poter acquistare le criptovalute con Coinbase devi avere un wallet in cui depositare le valute digitali che hai comprato.

Coinbase offre la possibilità di utilizzare un wallet gratuitamente, ciò significa che l’operatore deposita la tua valuta e la tua criptovaluta senza alcun costo per di mantenimento. 

Inoltre, Coinbase non addebita costi per il trasferimento di criptovaluta da un portafoglio Coinbase ad un altro, con l’operatore che sosterrà per te le spese di transazione di rete.

La piattaforma applica uno spread di 0,50 punti percentuali per gli acquisti e per le vendite di criptovaluta. Lo spread può variare a seconda delle fluttuazioni dei prezzi di mercato, in aumento o in diminuzione. 

In aggiunta allo spread Coinbase applica anche una commissione 

Le commissioni fisse sono pari a:

  • 0,99 euro se l’importo della transazione è pari o inferiore a 10 euro;
  • 1,49 euro se l’importo della transazione è compreso tra 10 e 25 euro;
  • 1,99 euro se l’importo della transazione è compreso tra 25 e 50 euro;
  • 2,99 euro se l’importo della transazione è compreso tra 50 e 200 euro.

Le commissioni variabili sono invece pari a:

  • 1,49% per i pagamenti “standard”;
  • 3,99% per i pagamenti istantanei (disponibili solo per le carte di debito);
  • 0,15 euro per i trasferimenti bancari.

Criptovalute disponibili su Coinbase

Coinbase propone la possibilità di negoziare decine di criptovalute, fra cui:

  • Bitcoin
  • Ethereum
  • Bitcoin Cash
  • Litecoin
  • EOS
  • Tezos
  • Stellar Lumens
  • Ethereum Classic
  • Dash

Vuoi dichiarare il tuo conto Coinbase senza sbagliare?

Affidati agli esperti e richiedi subito un preventivo qui

 

 

Seguici sui nostri social per rimanere sempre aggiornato alle strategie fiscali, alle scadenze e a mondo della fiscalità dei conti trading:

Youtube: iscriviti al nostro canale

Instagram: segui la nostra pagina

Facebook: segui la nostra pagina