Laura Nessun commento

Si apre la seconda lezione di strategie fiscali dei conti trading. Nella prima, abbiamo visto come bilanciare le plusvalenze alla fine dell’anno ovvero quando il portafoglio presenta un profitto. Questa volta valuteremo la situazione opposta, ovvero quando si detengono minusvalenze realizzate superiori alle plusvalenze realizzate e allo stesso tempo si hanno posizioni aperte con profitti.

Cosa si può fare quando si ha una perdita? Perché sono così importanti le minusvalenze? In questa lezione risponderemo a tutte queste domande.

Come nella scorsa strategia è opportuno chiarire 4 concetti fondamentali:

  1. Le imposte si pagano sulle plusvalenze realizzate al netto delle minusvalenze realizzate.
  2. Per realizzare una plusvalenza o una minusvalenza è necessario chiudere una posizione aperta.
  3. In regime dichiarativo i conteggi vengono effettuati dal 01.01 al 31.12
  4. Per ottimizzare la tassazione è opportuno valutare la propria situazione del portafoglio prima della fine dell’anno.

In questa seconda lezione di ottimizzazione fiscale vediamo come BILANCIARE LE MINUSVALENZE

 

Se prima della fine dell’anno

Il portafoglio è in MINUSVALENZA (realizzata)

e si hanno POSIZIONI APERTE CON PLUSVALENZE NON REALIZZATE

Potrebbe essere conveniente CHIUDERE queste PLUSVALENZE LATENTI

si posticiperà il termine di scadenza della minusvalenza

 

Le minusvalenze realizzate eccedenti se inserite in dichiarazione dei redditi potranno essere compensate con le plusvalenze realizzate dei 4 anni successivi. Pertanto compensarle con le plusvalenze e non farle emergere in dichiarazione fa si che non gli venga attribuito un termine. Questo concetto lo chiariremo maggiormente nella prossima lezione.

Facciamo un esempio per questa strategia:

Situazione a fine anno

→ Plusvalenze realizzate: +1.000
→ Minusvalenze realizzate: -5.000
→ Plusvalenze teoriche (non chiuse): +3.000

Senza effettuare operazioni al 31.12 non pagherò imposte, in quanto il mio profitto di €1.000
verrà interamente compensato con la minusvalenza di €5.000.
Inoltre porterò in dichiarazione €4.000 di minusvalenze. Questi €4.000 di perdite scadranno tra 4 anni.

Cosa potrebbe essere conveniente fare?

Chiudendo le mie plusvalenze aperte per un valore di €3.000 andrò ad azzerare interamente il risultato netto,
non pagherò imposte e andrò allo stesso tempo a ridurre le minusvalenze che porterò in dichiarazione.
L'anno prossimo e nei successivi 4 anni potrò utilizzare €1.000 di minusvalenze.
Chiudendo le plusvalenze teoriche non pagherò imposte e non attribuirò un termine alle mie perdite.

Non ti è chiara la strategia? Contattaci subito per ricevere maggiori informazioni (link) 

*I contenuti della presente pagina non costituiscono consulenza fiscale e i contenuti non possono sostituire la consulenza individuale di esperti per i singoli casi concreti